5 Settembre Set 2017 1142 05 settembre 2017

Cosa portare il primo giorno di scuola elementare

  • ...

Le lezioni stanno per ricominciare e per molti bambini sarà il primo giorno di scuola. Le mamme più esperte, che hanno anche figli più grandi, sanno già come comportarsi e cosa fare, ma tanti genitori dovranno cimentarsi invece con sfide completamente nuove.

Il primo grande problema è sempre lo stesso: che cosa mettere nello zaino del bambino? Una mamma protettiva vorrebbe sempre fare in modo che al figlio non manchi nulla, ma non è certo possibile sovraccaricare lo zaino del proprio figlio e riempirlo di cose inutili.

Cosa non può mancare nello zaino


Ogni alunno delle elementari deve avere a disposizione un astuccio ben rifornito: grande e resistente o più piccolo e compatto, colorato o monocromatico, con vari scomparti o con una spaziosa tasca unica, l’importante è che al suo interno non manchino colori, penne, matite, temperino, gomme per cancellare, righello, colla e forbici con la punta arrotondata.

Altro supporto necessario sono i quaderni a righe o a quadretti e il diario; per il quaderno si può optare per un modello classico, per quelli con gli anelli o per quelli con copertina rigida.

Il bambino deve imparare sin da subito a tenere ben ordinate le proprie cose, mettendo ogni cosa nello spazio ad essa destinato. Fondamentale è poi non mischiare il materiale scolastico con la merenda che, per i bambini, è un pasto irrinunciabile; sarebbe consigliabile dare ai propri figli non solo qualcosa da mangiare, ma anche un succo di frutta e una bottiglietta d’acqua o magari un bicchiere richiudibile.

Altri consigli per preparare lo zaino

Sicuramente conviene abituare il bambino a preparare lo zaino, con o senza l’aiuto di un genitore, la sera prima di andare a dormire o addirittura il pomeriggio, in modo da avere tutto il tempo necessario a preparare tutto con calma. Se il bambino deve fermarsi a mangiare a scuola, è meglio mettere nello zaino anche un bavaglino, uno spazzolino con del dentifricio e, per precauzione, un cambio di abbigliamento.

Infine sul diario o su una piccola agenda a parte si possono appuntare i recapiti di altri genitori e i dati generali del bambino, più qualche etichetta da attaccare su quaderni e materiali, per scriverci il nome ed evitare di perderli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso