6 Settembre Set 2017 1019 06 settembre 2017

Come affrontare il cambio di scuola

  • ...

Tutti gli studenti, nel proprio percorso scolastico, devono cambiare scuola almeno un paio di volte. Il passaggio dalle scuole elementari alle medie e dalle medie alle superiori all’inizio può essere un po’ destabilizzante, ma in poco tempo è possibile integrarsi al meglio e superare ogni scoglio, mostrandosi socievoli, propositivi e disponibili.

Diverso è il discorso per il cambio di scuola, di sezione o di indirizzo di studi non determinato dalla crescita dello studente, bensì da difficoltà di integrazione, profitti insufficienti, necessità di trasferimento o problemi con la scuola stessa.

Il nulla-osta per il trasferimento

Per ogni trasferimento da una scuola all’altra è necessario richiedere il nulla-osta alla scuola che viene lasciata. Se raccogliere informazioni e richiedere un colloquio con il dirigente scolastico della nuova scuola è molto importante, parlare con il preside della scuola che si intende abbandonare diventa fondamentale.

È sempre bene parlare direttamente con il dirigente scolastico, per evitare rifiuti o allungamenti nei tempi di trasferimento dello studente. Inoltre spiegare a voce i motivi per cui si intende togliere il proprio figlio da una scuola è certamente più corretto, visto che gli istituti rischiano di perdere punti nella valutazione sulla qualità dell’istruzione offerta, ogni volta che viene perso uno studente.

Cosa fare prima di richiedere il trasferimento

Prima di inviare la domanda di trasferimento, è necessario raccogliere quante più informazioni possibile sulla scuola scelta, soprattutto se il proprio figlio ha avuto problemi di integrazione o ha già dovuto affrontare qualche difficoltà nel vecchio istituto. Parlando con il dirigente scolastico o con qualche altro responsabile si potrà capire se la nuova scuola è in grado di aiutare l’alunno e se è disponibile ad accoglierlo. Non sempre le classi hanno modo di accogliere nuovi studenti, quindi prima di avviare gli iter burocratici c’è da capire qual è la disponibilità della scuola.

Da ultimo, per chiedere il trasferimento del proprio figlio da una sezione all’altra non servono permessi particolari, in quanto la divisione in classi è stabilita arbitrariamente da preside e insegnanti. Per quanto riguarda le scuole superiori, il cambiamento di indirizzo scolastico è molto frequente, ma a volte sono richiesti esami integrativi per quelle materie non insegnate nella scuola di provenienza, quindi conviene aspettare la fine dell’anno scolastico per presentare la domanda di trasferimento e avere il tempo necessario a prepararsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso