17 Marzo Mar 2017 1148 17 marzo 2017

Agosto cosa si pesca

  • ...

Il mese di agosto è piena stagione di pesca per quanto riguarda le coste mediterranee. Oltre alle svariate specie presenti tutto l’anno, si incrementa infatti la quantità di esemplari come i tonni giganti, gli spada, i lecce, ecc. Questo mese è ideale per il clima caldo che “invoglia” a mettersi in barca ma può anche rendere la vita difficile ai pescatori a causa del più frequente traffico marittimo (sia sotto costa che al largo) dovuto oltre che alla pesca, anche al turismo.

Le specie e le modalità di pesca

A dominare la zona sottocostiera in questo periodo è senz’altro il pesce serra. Questa specie si pesca bene sia a traina con il grongo (piccolo pesce anguilliforme) morto o con l’esca viva generalmente dal tardo pomeriggio sino a notte inoltrata. Tuttavia molti si avvalgono della lenza artificiale con buoni risultati.

A traina col vivo (utilizzando cefali, lanzardi, aguglie, sugarelli e stelle) si può cacciare facilmente in questo periodo un degno avversario del serra: il pesce leccia. Le ore più redditizie sarebbero quelle centrali, ma a volte lo si cattura anche nella mattinata presto o al tramonto.

Il mese di agosto può ancora essere buono per una battuta di pesca in traina d'altura. Se infatti si scorgono “mangianze”, il risultato sarà consistente: tonni, alalunghe, lampughe, pesci spada e aguglie imperiali, ecc.

Ma c’è una specie in particolare che la fa da padrone in questo periodo dell’anno: tonni giganti. Sarà infatti difficile trovarli nei mesi seguenti. La pastura per attirarli va preparata con sarde, tagliate a pezzi, tritate e intere. Mentre sarde, alici, alacce e sgombri sono le esche possibili da innescare.

Un suggerimento: nel mese di agosto i tonni possono essere di notevole dimensione, quindi conviene usare un'attrezzatura adeguata. Prima di recarsi a pescare, soprattutto se lo si fa per sport, occorre ricordarsi di controllare le normative vigenti che regolano questa attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso