12 Marzo Mar 2017 0733 12 marzo 2017

Cosa succede se cambio DNS

  • ...

Grazie ai server DNS è possibile collegarsi ai siti senza dover scrivere dei lunghi indirizzi di numeri. Infatti usando i DNS giusti si può ottenere una connessione molto più veloce. Quindi è bene cambiare i DNS se sono lenti.

Ma viene spontaneo chiedersi cosa succede se si cambia DNS


Quando si cambia DNS si creano delle conseguenze positive che si elencano qui di seguito:

  • Connessione più veloce
  • una navigazione migliore
  • browser velocissimo
  • risoluzione rapida di alcuni problemi

Quindi in base ai dispositivi che si hanno si può cambiare il DNS del modem operando sul computer o sul device mobile. Tra i tanti DNS disponibili i migliori sono sicuramente quelli di OpenDNS o di Google. Per esempio, con il veloce DNS di Google si può accedere anche a quei siti che sono oscurati dai provider. Altrimenti, per scegliere il server e cambiare DNS esistono dei software specifici.

DNS del modem


Cambiare DNS sul modem significa non modificare le impostazioni del dispositivo in uso. Ma come fare? Iniziare aprendo il proprio browser Web collegandosi all’indirizzo 192.168.0.1 che serve per arrivare alla gestione del modem.
Oppure trovare l'indirizzo IP del router, anche se a volte non è così semplice; infatti per certi servizi telefonici non si può cambiare il DNS in quanto è automatico.

Comunque sia, si procede compilando il login con nome utente e password per entrare nelle impostazioni del modem che di solito sono: Admin e admin, altrimenti Admin e password. Entrare poi nello stato di connessione controllando DNS 1 e DNS 2 che sono composti da delle cifre. Queste ultime rappresentano i server DNS usati dalla connessione.

Spuntare Usa questi server DNS, compilare con indirizzi personalizzati e poi Applica. Infine OK e Salva. Con questo procedimento per cambiare i DNS del modem si potrebbe verificare un riavvio dello stesso, che si rivela come un'attività utile e normale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati