22 Settembre Set 2017 1236 22 settembre 2017

Quali app si possono spostare su SD

  • ...

Tutti i telefoni più recenti hanno ormai da qualche tempo la possibilità di utilizzare una microSD come memoria interna predefinita, aumentando la capacità del proprio dispositivo e risolvendo il problema del telefono pieno non appena si scaricano un paio di app, si salva qualche foto e non si cancellano le conversazioni su Whatsapp. Purtroppo non tutte le applicazioni possono essere ancora trasferite o scaricate direttamente sulla memoria SD. Per fortuna, esistono dei modi per superare tale scoglio e spostare tutte le applicazioni che si vogliono.

Le applicazioni per spostare le app sulla memoria SD

Per poter essere liberi di trasferire a proprio piacimento le app si potrebbe richiedere i permessi di root e installare Link2SD, ma così facendo si rischierebbe di perdere la garanzia. Esiste una seconda soluzione, che salva la garanzia del telefono e aggira i permessi di root, grazie all’utilizzo di programmi come Android Studio, SDK Android o il pacchetto Android Tools Adb. Alcune di queste app sono molto pesanti, tuttavia consentono di programmare e personalizzare totalmente ogni funzionalità.

Leggi anche Come effettuare il root su Android

Come installare i programmi per spostare le app sulla memoria SD

Innanzitutto, è fondamentale abilitare il Debug USB sul dispositivo, selezionando prima Impostazioni e poi Opzioni sviluppatore. Fatto ciò sarà possibile installare il programma scelto, mantenendo sempre il telefono collegato al computer. Potrebbero essere necessarie autorizzazioni specifiche durante la procedura, ma in ogni caso seguendo i passaggi riportati si riuscirà facilmente ad abilitare o ottenere i permessi richiesti.

Terminata l’installazione, è finalmente possibile controllare le impostazioni per la gestione della memoria interna, attraverso il comando PM-get-install-location. Alla voce Output sono riportate tutte le informazioni sulla gestione della memoria: il numero 0 contrassegna l’output automatico, l’1 l’output interno e il 2 l’output esterno. A seconda delle proprie esigenze, si può variare l’output delle diverse applicazioni e fare in modo che qualsiasi app scaricata sul telefono possa essere sia salvata nella memoria interna che in quella esterna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso