5 Giugno Giu 2017 1429 05 giugno 2017

Cosa vedere a Napoli

  • ...

Napoli, città unica, sensazionale, forse la più folkloristica d’Italia. Descrivere Napoli e le sue bellezze potrebbe risultare riduttivo: è la sinergia perfetta che unisce mare, montagna e centro storico in una sola fotografia.

È la città del sole, dove si respira un’atmosfera allegra fatta di sapori come quello forte del caffè, di voci allegre e cordiali dei suoi abitanti e di movimento, come quello dato dal suo porto che caratterizza Napoli per il suo continuo e incessante lavoro.

Il Vesuvio

La prima impressione è data dall’immensa imponenza del Vesuvio, il vulcano simbolo indiscusso della città. Questa è una meta superconsigliata se si è in visita a Napoli. Si organizzano ogni giorno delle escursioni guidate fino al suo cratere, dove si possono scrutare i fumi del cono sempre attivo e ascoltare la storia che lo rende famoso, con la sua eruzione del 79 d.C che distrusse varie città tra cui Pompei.

È possibile seguire un itinerario a piedi che faccia visitare le imperdibili bellezze di Napoli: si inizia il percorso da Piazza Plebiscito, si percorre la Via Toledo soffermandosi nelle chiese più belle per arrivare poi alla Spaccanapoli, al quartiere di San Gregorio Armeno e alla misteriosa Napoli Sotterranea.

Itinerario a piedi tra le vie di Napoli

  • Piazza Plebiscito

La piazza più conosciuta di Napoli e cuore pulsante della città. Qui spiccano le colonne della Basilica di San Francesco di Paola, struttura che ricorda molto il Pantheon e che fa da cornice alla Piazza.

Altro edificio molto importante e prospicente alla basilica è Palazzo Reale. Esso racchiude la storia di varie dinastie di potere, che portarono al pieno splendore il Regno di Napoli. Oggi è un museo che comprende diverse sale con mobilia e oggetti di lusso molto ben conservati. La bianca scala marmorea all’ingresso (Scalone D’Onore) dà il via all’esplorazione del palazzo che vanta oltre 400 anni di storia.

Affianco al Palazzo Reale si trova il Teatro San Carlo, teatro lirico sfarzoso voluto dallo stesso Carlo Borbone, personaggio da cui prende il nome. Si compone di una grande sala a ferro di cavallo con più di 1300 posti, oggi offre un palinsesto ricco di artisti e orchestre, con la possibilità di organizzare una serata all’insegna dell’eleganza del suono.

  • Castel dell’Ovo

Appena fuori piazza Plebiscito, raggiungendo la costa nord, si trova questo bellissimo castello sul mare, realizzato con il tufo, un materiale locale molto malleabile. Castello medievale, poi convento e ancora prigione di Stato, qui regna la leggenda di Virgilio che nascose nelle segrete del palazzo un uovo che, se mai dovesse essere scoperto, porterebbe alla rovina l’intera città.

  • Il Maschio Angioino

Altro castello conosciuto anche con il nome di Castel Nuovo composto da due torri principali: la Torre di Mezzo e la Torre di Guardia, ha come porta maggiore un arco detto “trionfale”. All’interno delle due torri, spiccano due scale a chiocciola dette scale catalane che portano alle vedette di guardia. Oggi è sede del Museo Civico dove è possibile visitare la sala dell’Armeria e la Cappella Palatina.

  • Via Toledo e la metropolitana

Via Toledo è la principale via dello shopping, qui sorgono i famosi quartieri spagnoli, contrade locali che si insidiano nelle viuzze laterali della via principale. Mercati improvvisati, via vai di motorini e turisti completano l’immagine dei negozi griffati.

Importante l’inaugurazione della nuova metro di Napoli con le sue stazioni-museo, consigliatissime da vedere con disegni e mosaici artistici da invidiare alle tristi metropolitane delle grandi città. La fermata Toledo è considerata la più bella delle stazioni.

  • Decumano inferiore o Spaccanapoli

Proseguendo per via Toledo ci si imbatte in una delle arterie principali della città: la Spaccanapoli. Il nome richiama il taglio della suddetta strada che sembra divida nettamente in due Napoli. Questa strada romana incontra bellissime piazze e chiese che sorgono lungo il tragitto.

Percorrendola verso est ci si imbatte nella Piazza del Gesù Nuovo, una delle piazze più importanti dove sono collocate due strutture antichissime: la chiesa del Gesù nuovo (o Trinità Maggiore) con una facciata formata da una miriade di blocchi a piramide e la Basilica di Santa Chiara, grande complesso monastico dell’ordine delle clarisse e molto amata dagli stessi cittadini napoletani.

Proseguendo sempre ad est lungo il decumano, si apre la Piazza San Domenico Maggiore, altro simbolo della città con il suo obelisco costruito per scongiurare l’epidemia della peste. Qui, oltre all’omonima chiesa, si ergono palazzi molto importanti della storia di Napoli come Palazzo Petrucci con il suo imponente portale e Palazzo Saluzzo di Corigliano oggi sede dell’ Università L’ Orientale.

  • San Gregorio armeno e i Presepi

Proseguendo ad est, tra il decumano superiore e inferiore, si trova la famosa via dei presepi napoletani con un susseguirsi di botteghe artigiane storiche che realizzano personaggi artistici fatti a mano.

Svariate sono le creazioni, dai personaggi classici del presepe ai politici più conosciti. È una via caratteristica, che si illumina nei periodi natalizi, ma che vale una visita in qualsiasi periodo dell’anno.

  • Napoli sotterranea

Suggestivo percorso nel sottosuolo della durata di 2h circa, che si ramifica in cunicoli e cavita sotto il centro storico di Napoli. Con l’aiuto di una guida si affronta un tour sotterraneo a oltre 40 metri di profondità fatto di misteri e anni di storia. Assolutamente consigliato!

Napoli è una città che offre, a chiunque voglia visitarla, il proprio cuore: un tour guidato da professionisti del settore può fornire un quadro complessivo di tutte le sue bellezze raccontandole in chiave ironica partenopea; quindi scarpe comode, zaino in spalla e fervida curiosità, per cercare di ammirare delle bellezze italiane uniche e indimenticabili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso