30 Giugno Giu 2017 0850 30 giugno 2017

Val di Non cosa vedere

  • ...

Acqua , natura e cultura sono le paroli chiave di questa valle.

Boschi, prati, villaggi, villette e tant’altro negli splendidi paesaggi della Val di Non, la valle del Trentino famosa per le mele d’alta quota, e che sorge nella parte occidentale della provincia di Trento. Può essere punto di partenza per interessanti escursioni nelle Dolomiti di Brenta, sulla Mendola o sull’Ortles.

Le principali bellezze della Val di Non

  • Lago di Tovel, tra le attrazioni naturalistiche più importanti del Parco Naturale Adamello Brenta. questo lago è famoso per l’arrossamento delle sue acque che a metà del secolo scorso si verificava nelle ore più calde della stagione estiva pare in seguito alla fioritura di un’alga. Vale la pena visitarlo per coglierne tutte le bellezze faunistiche e floreali.
  • Santuario di San Romedio, uno dei santuari più caratteristici d’Europa, nato grazie alla figura dell'eremita Romedio di Thaur e ai suoi seguaci che alla sua morte scavarono la sua tomba nella roccia dando vita a quello che oggi è il più interessante esempio di arte cristiana medioevale presente in Trentino. Il complesso architettonico è composto da più chiese e cappelle costruite sulla roccia tutto collegato da una ripida scalinata di 131 scalini.
  • Castel Thun, tra le più antiche casate trentine domina tutt’oggi su tutte le altre residenze e castelli non solo della Val di Non ma di tutto il Trentino. Particolarmente suggestivo è il paesaggio nella stagione primaverile durante la fioritura del meli.
  • Canyon Rio Sass, formato dal continuo scorrere del torrente Rio Sass divide in due il centro abitato. Un’esperienza meravigliosa per chi decide di visitarlo. Per la visita, che dura un paio di ore, è prevista ovviamente una guida che farà ammirare il meraviglioso scenario di cascate, rocce e giochi di luce.
  • Orologio ad Acqua di Fondo, opera davvero particolare che tutti noteranno durante la passeggiata nella piazza del paese. Se ci si avvicina alla teca che lo racchiude sarà un incanto ascoltare il suono che produce. Nato dall’idea dell’orologiaio Giuliano Zanoni questo splendido orologio ad acqua rientra nel progetto di riqualificazione dell’intera piazza che viene inaugurata nel dicembre 2010.

Posto ideale dunque per coloro che sono in cerca di una vacanza rilassante in un paesaggio naturale coniato di colline, boschi e laghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso