18 Luglio Lug 2017 1705 18 luglio 2017

Cosa vedere a Capri

  • ...

L’isola di Capri è da sempre considerata come l’isola più bella e ricca di storia del golfo di Napoli.
Non lontana dalla Costiera Amalfitana, non a caso è stata scelta come dimora da diversi illustri di tutti i tempi: ora detentrice di testimonianze che si esprimono tra vecchie strutture architettoniche e vegetazione incontaminata.

Conoscere l'isola di Capri

Quest’isola è raggiungibile dai moli di Napoli (beverello e Calata di Porto Massa) molto facilmente, con traghetti che hanno una percorrenza media di un’ora circa.

L’isola di Capri possiede un territorio molto vario, con cime montuose come il monte Tiberio e il monte Solaro, quest’ultimo raggiungibile con una funivia che lo collega alla città di Anacapri, e paesaggi più pianeggianti come quello di Marina Grande e Marina Piccola nei pressi del comune di Capri.

L’isola si divide in due sezioni, quella orientale meno elevata dove sorge l’abitato del comune di Capri, e quella montuosa occidentale definita dal territorio del comune di Anacapri.

Capri racchiude secoli di storia che l’hanno resa celebre sin a partire dal periodo romano, dove conobbe un grande e fiorente sviluppo. Imperatori del calibro di Tiberio Claudio Nerone e Augusto vissero per molti anni in quest’isola, costruendo domus e strutture ancora invidiabilmente intatte e visitabili.

Se si opta per una visita alla città di Capri, bisogna fare riferimento ad alcune bellezze imperdibili di tutta l’isola che possono essere ammirate in qualche giorno di visita.

La piazzetta

Il primo incontro con le consuetudini di Capri, avviene nell’affollatissima piazzetta da sempre formicolante di turisti provienienti da tutto il mondo e già cuore della città a partire dal V secolo a.C. Una torre con un orologio, dei ristoranti e delle rinomate boutique e profumerie, accolgono il turismo internazionale con i prodotti locali e caratteristici di questa terra. Da questa piazzetta partono inoltre viuzze e cunicoli bianchi e stretti, simbolo dell’era medievale che ancora si respira in questa città.

Parco di Augusto

Bellissimi giardini botanici, ricchi di vegetazione fiorente con varie tipologie di piante ed alberi, inizialmente conosciuti come i giardini dell’industriale tedesco Krupp e poi dedicati all’omonimo imperatore romano Augusto. Dalle terrazze di questi giardini è possibile ammirare il simbolo indiscusso dell’isola: i celebri Faraglioni nella spiaggia di Marina Piccola.

Via Krupp

Via pedonale che intagliata nella roccia, scende dal cavalcavia del parco d’Augusto sino alla spiaggia di Marina Piccola. Assolutamente da percorre.

Marina Piccola

Spiaggia di Capri dove poter ammirare i Faraglioni e l’Arco delle Sirene scolpito dall’erosione del mare. In questa spiaggia, caratteristica è la piccola darsena luogo delle barchette dei pescatori tirate in secca.
Altro luogo vicino e molto interessante è la chiesa di Sant’ Andrea simbolo dell’architettura caprese.

Grotta Azzurra

È la grotta più famosa dell’isola è caratterizzata dal fenomeno del bradisismo, particolare movimento verticale della crosta terreste tipico delle zone flegree. Avvicinandosi, si possono notare resti di simboli romani che attorniano la grotta azzurra sia all’interno che all’esterno. Sopra la grotta azzurra si trovano i resti di Villa Giovis, residenza immensa dell’imperatore Tiberio andato in esilio proprio in quest’isola.
Una rupe divide la villa dal mare ed anch’essa prende il nome dallo stesso Tiberio che, secondo la leggenda, si servì di questa rupe per far lanciare delle povere vittime.

Certosa di San Giacomo

Principale monumento della città di Capri, un edificio che si compone di archi bianchi e maestosi, la Certosa detiene una storia molto avvincente e particolare. Risalente al XIV secolo, fu più volte distrutta e ricostruita. Originariamente dimora di un nobile, fu poi rivisitata come colonia penale. Ora riqualificata a sede della biblioteca comunale e del liceo dell’isola.

Villa San Michele

Edificio ubicato ad Anacapri che vanta di una vista a dir poco mozzafiato. E’ stata dimora del medico e letterato svedese Axel Munthe e vanta al suo interno i caratteristici arredi originali degli anni ’20. In questa dimora, piccole logge ad arco nascondono giardini peculiari che danno largo a balconate con vista a strapiombo sul mare. Simbolo delle balconate è una sfinge (foto) che anch’essa è testimone di un panorama indescrivibile.

Hotel Quisisana

Apoteosi degli alberghi di lusso e sede di meeting molto importanti. È luogo di Vip e Capi di Stato che scelgono l’isola per importanti congressi ed eventi di spicco. In questo hotel una suite può arrivare a costare anche 10.000 al giorno.

L'atmosfera mediterranea

Chiunque scelga di visitare quest’ isola rimarrà meravigliato dall’impareggiabile atmosfera mediterranea che si respira attorno alle vie. Per godere di cotanta bellezza, inutile ribadire la scelta di un pratico equipaggiamento composto da scarpe comode e indumenti freschi, salite e discese compongono tutto il territorio dell’isola di Capri; ci vorrà quindi anche del tempo, almeno 1-2 giorni, per godere dell’impareggiabile eleganza di tutti gli scorci dell’isola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso