31 Agosto Ago 2017 1935 31 agosto 2017

Città abbandonate Toscana

  • ...

Ci sono città e città, e non tutte hanno la fortuna di essere abitate; molte di loro, infatti, per i motivi più svariati vengono abbandonate dai propri abitanti e diventano le cosiddette “città fantasma”, abbandonate a sé stesse e al tempo che passa. Che si tratta di città abbandonate, questo non vuol dire che non possono essere visitate dai più curiosi che hanno voglia di partire per la scoperta di luoghi fuori dal comune.

Città fantasma in Toscana

Non si può parlare di città abbandonate toscane se non iniziando dalle Fabbriche di Careggine, un luogo spettacolare abbandonato a causa del bacino della diga che sommerse l’intero villaggio. Fino a qualche anno fa, ogni 10 anni, veniva svuotata la diga al fine di ripulirla e in questo modo i pochi fortunati, hanno avuto l’opportunità di assistere allo spettacolo del paese sommerso.

Rocca San Silvestro, nella Val di Cornia, è un villaggio fortificato del Medioevo abbandonato a causa dei continui conflitti con la potenza nemica pisana. Oggi questo luogo è un importante parco museo archeologico a cielo aperto visitabile da tutti.

Toiano è una città fantasma abbandonata negli anni Sessanta quando poco a poco i suoi abitanti cominciarono a sportarsi verso i paesi più vicini. Si tratta di un antico borgo attraversato da un’unica strada percorsa ancora oggi dai curiosi e dagli appassionati di fotografia.

Buriano è un piccolo borgo situato tra le colline a pochi passi da Volterra, che seppure si trova in stato di abbandono, incuriosisce per il suo fascino medievale e la bellezza del paesaggio circostante.

L’isola di Pianosa è un’isoletta dell’Arcipelago Toscano in cui si può visitare non solo l’antico borgo, ma anche le varie costruzioni presenti quali palazzi in stile neomedievale, la Casa dell’Agronomo, il Castello del Marchese e molte altre ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso