1 Settembre Set 2017 1954 01 settembre 2017

Città abbandonate Lazio

  • ...

Il Lazio è nota non solo per il suo capoluogo Roma, la “città eterna”, ma anche per essere una regione che vanta di un patrimonio artistico e artistico particolare, grazie alle sue numerose città fantasma disseminate su tutto il territorio.

Le città fantasma del Lazio

Monterano, abbandonata a causa dell’arrivo dell’esercito francese che saccheggiò l’intera cittadina, oggi è la città abbandonata più famosa del Lazio, in quanto negli anni è diventata il luogo preferito da molti registi per i propri set cinematografici. Questa città fantasma offre una vista spettacolare grazie alla ricca vegetazione che la circonda, e per la presenza dei palazzi signorili e le antiche case ancora in buono stato di conservazione.

Galeria Antica è un borgo il cui abbandono fu causato dalla diffusione della malaria tra gli abitanti, infatti, negli anni successivi all’abbandono furono individuate delle fosse comuni degli appestati. Oggi le rovine di Galeria, ricoperte quasi interamente dalla vegetazione, sono state dichiarate Monumento Naturale.

I resti della città medievale di Ninfa non possono non essere menzionate in questa lista delle città abbandonate nel Lazio. È un territorio che fu abbandonato in seguito a carestia e malaria che colpì i suoi abitanti lasciando così la città in uno stato di degrado, nel X secolo, però, Ninfa fu trasformata in un giardino per opera dei Caetani. Grazie a questa grande trasformazione, oggi, è un giardino dall’aspetto curato e romantico che lascia i suoi visitatori ammaliati da tanta bellezza.

Faleria Antica è un borgo situato su una roccia fragile e vulcanica, infatti, sembra che l’origine del suo abbandono sia da attribuire proprio ai crolli e le frane. Da questo borgo antico e ormai abbandonato anni fa, si giunge poi alla parte abitata di Faleria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso