10 Aprile Apr 2017 1828 10 aprile 2017

25 aprile Firenze

  • ...

Martedì 25 aprile, come tutti gli anni, la Repubblica Italiana festeggia, e la maggior parte delle attività lavorative viene sospesa. Come trascorrere quindi la giornata? A Firenze, in questa giornata, si può beneficiare di diverse iniziative.

All'insegna dei fiori

Essendo ormai primavera inoltrata, il Giardino dell’Orticoltura (in via Vittorio Emanuele II) offre la possibilità di ammirare la Mostra di piante e fiori, a ingresso gratuito. Parteciperanno i migliori florovivaisti toscani.

Gelato per tutti i gusti

Fino al 25 aprile, al Piazzale Michelangelo si terrà il Gelato Festival, la più importante manifestazione al mondo sul tema, che coinvolge una giuria di esperti e una popolare. Si avrà dunque l’opportunità di assaggiare e osservare le creazioni di più di 100 gelatieri.

Visitare la città in una giorno

Firenze, patrimonio dell’umanità UNESCO, è un museo aperto tutto da visitare: perché non approfittare allora delle 24 ore di giorno di festa per scoprirla? Si può pensare allora di partire dalla cattedrale di Santa Maria del Fiore, e di contemplare la Cupola, simbolo della città. Seguendo poi via Calzaiuoli si arriva al Palazzo della Signoria, e al museo degli Uffizi. Proseguendo a piedi si giunge al Ponte Vecchio, sede di botteghe di orafi. Una volta al di là dell’Arno si erge Palazzo Pitti. Successivamente ci si può spingere fino a piazza Santo Spirito e al Complesso di Santa Maria del Carmine.

Manifestazioni in memoria dei partigiani

In ultimo, ma non per importanza, si può decidere di commemorare degnamente la giornata partecipando alla manifestazione che avrà luogo in piazza S. Spirito per ricordare l’insurrezione partigiana contro il regime nazifascista. A partire dalle 15 si terranno interventi e dibattiti, con la possibilità di godere di cibo, bevande e musica. Poi, alle 17, i partecipanti si mobiliteranno in un corteo; seguirà la cena e l’esibizione di un gruppo militante rap, Esercito Ribelle, e di artisti skapunk, gli Ivanoska.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati