9 Ottobre Ott 2016 1558 09 ottobre 2016

Ortensia: come riprodurre per talea le ortensie

  • ...

Scopriamo come riprodurre le ortensie per talea ed avere in giardino delle siepi dagli splendidi colori tenui.

L'Ortensia, che a occhi non particolarmente esperti può sembrare un fiore, in realtà è un arbusto legnoso originario dell'Asia presente anche in Himalaya, che viene sovente utilizzato nella creazione di bordure o anche come siepe bassa per dare colore ad orti e giardini grazie al suo aspetto decisamente rigoglioso e suggestivo.

Vi sono vari tipi di ortensie, che vengono suddivise in arbustive e rampicanti, molte delle quali sono molto diffuse in Italia. Il metodo più pratico per favorire la loro riproduzione è per talea, una tecnica che permette un radicamento e una crescita dell'ortensia nettamente più veloci rispetto alla più tradizionale semina.

Ortensia: come riprodurla per talea.

La fioritura delle ortensie termina tra settembre ed ottobre, periodo ideale per praticare la talea: affinché questa sia eseguita in maniera corretta, bisogna tagliare alla base della pianta madre un rametto di 10-15 cm circa che non abbia fiori ma con qualche foglia. Il taglio deve essere netto e preciso, in quanto è proprio la parte tagliata quella che va interrata e non deve essere danneggiata.

Il ramo va posizionato all'interno di sabbia, oppure nella polvere rizogena, che si può reperire in tutti i vivai ed è arricchita di sostanze ormonali che favoriscono il processo di moltiplicazione. Qualunque sia il tipo di terreno utilizzato, bisogna mantenere costantemente umido il substrato con irrigazioni costanti, eventualmente vaporizzando il vaso con un nebulizzatore almeno un paio di volte al giorno. La nuova talea deve inoltre essere esposta in maniera adeguata alla luce solare.

Se piantate in vaso, le talee vanno disposte a debita distanza in maniera tale da lasciar attecchire le radici senza farle soffrire, e in modo tale che ogni rametto riceva la giusta quantità di luce e sostanze nutritive. In presenza di climi aridi, i vasetti vanno ricoperti con fogli di plastica trasparente per evitare la condensa, che andranno rimossi al momento dell'innaffiatura.

Se la talea è andata a buon fine, i primi rizomi compaiono dopo circa sei settimane, periodo in cui è necessario trasferire i rametti in vasi più grandi nei quali si dovrà aggiungere della torba. E' consigliabile utilizzare vasi in terracotta per assicurare una perfetta traspirazione alla pianta e il giusto rilascio di umidità ponendo il vaso all'aperto, non esponendolo al sole, al vento e al freddo gelido.

Se tutte queste operazioni saranno eseguite in maniera corretta, le ortensie cresceranno forti e rigogliose, ed abbelliranno giardini, siepi e terrazzi coi loro delicatissimi e altrettanto suggestivi colori pastello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso