16 Luglio Lug 2017 1243 16 luglio 2017

Ottobre: quali piante potare

  • ...

La potatura è un’insieme di tecniche che hanno la funzione principale di regolare la crescita delle piante non solo dal punto di vista estetico, ma anche produttivo. Ottobre, in particolare, è il periodo ideale per potare le piante arbustive come ad esempio oleandro e rosa grandiflora, ma anche acero, agrifoglio, aralia, betulla, ciliegio ornamentale, cipresso, clematide, corniolo, edera, faggio, ginepro, lavanda, lillà, nocciolo, ortensia, sorbo, tamerice. Sconsigliata la potatura degli alberi da frutto.

Periodo di riposo vegetativo

Settembre e ottobre sono i mesi in cui le piante vivono il cosiddetto "riposo vegetativo", ossia il periodo in cui le attività della pianta sono ridotte al minimo e normalmente coincide con l’inverno. Le giornate ancora tiepide di ottobre possono essere ideali per intervenire con lo sfoltimento delle chiome, l’eliminazione dei rami secchi e malati oppure l’accorciamento degli stessi lasciandoli lunghi 10-15 centimetri.

La potatura delle piante arbustive

L’oleandro, arbusto molto diffuso, di solito va potato dopo la fioritura estiva (agosto), ma molti preferiscono attendere ottobre quando anche l’ultimo bocciolo si sarà aperto. Stesso discorso per la rosa che si può potare di volta in volta dopo ogni fioritura, ma nel mese di ottobre si può procedere con quella radicale che preparerà la pianta a un nuovo ciclo di fioriture. Le piante necessitano di tagli netti e obliqui che determineranno la forma del cespuglio.

La potatura degli alberi

Il mese di ottobre per alberi come faggio, betulla e in particolare il cipresso significa potatura di contenimento o vigorosa. Alcuni alberi, la cui chioma tende a crescere in maniera indiscriminata, necessitano di una potatura di contenimento che dia loro ordine e forma; altri necessitano di una potatura radicale e vigorosa che li prepari alla bella stagione. Tuttavia, bisogna sempre usare accortezza e delicatezza perché alcune piante, come betulla e ciliegio, soffrono terribilmente la potatura arrivando addirittura a “sanguinare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso