15 Settembre Set 2017 0631 15 settembre 2017

Vernice epossidica: che cos'è

  • ...

Che cos’è la vernice epossidica? Si tratta di una vasta ed eterogenea categoria di vernicianti che hanno come elemento comune l’utilizzo di resine epossidiche.

Vernice epossidica: cos’è

Si parla di varie tecniche di verniciatura epossidica che ruota ed ha come fattore comune ed unificante l’utilizzo di resina epossidica. La vernice epossidica è una miscela chimica che, se applicata all’oggetto da verniciare (una superficie) forma un film esterno sottilissimo ma molto resistente, in grado di preservarlo dall’azione di agenti chimici e fisici esterni.

Grazie all’azione protettiva e molto resistente tipica del film sottile e resistente applicato sulla superficie, la vernice epossidica migliora e modifica dal punto di vista estetico l’oggetto verniciato, conferendogli una maggiore lucentezza, levigatezza e colorazione.

Vernice epossidica: composizione chimica

Dal punto di vista della composizione, la vernice epossidica può avere una consistenza sia granulare che liquida ed è composta da:

  • Solvente: mantiene in sospensione i vari componenti della miscela liquida; l’evaporazione del solvente provoca l’essicazione della vernice stessa, formando un substrato verniciato,
  • Pigmento: utile per conferire la colorazione alla verniciatura,
  • Legante: resina epossidica che polimerizza gli altri componenti e “riveste” la superficie del film esterno sottile e resistente,
  • Cariche: conferiscono la levigatezza alla superficie verniciata,
  • Additivi chimici

Vernice epossidica: caratteristiche peculiari

Proprio per la sua composizione chimica, la vernice epossidica presenta alcune caratteristiche che la rendono davvero interessante dal punto di vista dei vari utilizzi:

  • “forza” di adesione al substrato,
  • resistenza all’acqua,
  • resistenza alla corrosione nel tempo,
  • resistenza all’aggressione di agenti esterni,
  • ottimi risultati estetici (levigatezza, lucentezza, brillantezza).

Vernice epossidica: limiti

Oltre alle caratteristiche uniche e peculiari derivanti dall’utilizzo della vernice epossidica, esistono dei limiti derivanti dal fatto che la vernice epossidica non è resistente all’azione dei raggi ultravioletti che opacizzano le superfici verniciate, rendendole assolutamente “fragili”.

Usi più comuni della vernice epossidica

Per chi volesse utilizzare la vernice epossidica, può farlo solo:

  • per ricoprire massetti di calcestruzzo,
  • per impermeabilizzare le pareti,
  • per rivestire le piscine,
  • per verniciare le banche,
  • per verniciare oggetti metallici.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso