6 Ottobre Ott 2016 1720 06 ottobre 2016

Dik-dik, l'antilope dell'africa orientale: curiosità e caratteristiche

  • ...

I dik-dik sono le più piccole antilopi del mondo e piangono vere lacrime per marcare il territorio. Scopriamo le loro caratteristiche e altre curiosità.

I dik-dik sono delle antilopi che vivono nell’Africa sud orientale e sud occidentale (Somalia, Etiopia, Sudan). Vivono in zone erbose, ricche di sterpaglie e cespugli di cui si cibano e grazie ai quali si nascondono dai tanti predatori che li cacciano. I dik-dik si nutrono dopo il calar del sole, ma durante il giorno rimangono sempre in allerta, non possono permettersi distrazioni. Il loro muso affusolato è perfetto per raggiungere le foglie dell’acacia da cui ricavano l’acqua necessaria per sopravvivere.

Dik dik, l'antilope dell'africa orientale: curiosità e caratteristicheI dik-dik sono animali di piccole dimensioni: sono alti circa 30-40 centimetri e lunghi circa 60. Il manto della schiena di questo animale è di color rossastro, mentre le zampe e la pancia sono bianche. La coda è corta e nera e il suo naso è particolarmente caratteristico: necessario per fiutare cibo, il naso è molto mobile ed assomiglia ad una piccola proboscide. I maschi hanno delle corna corte, nascoste dal tipico ciuffo grigiastro che hanno al centro della testa.

I dik-dik non sono tutti uguali

Esistono quattro specie di dik-dik: quello di Günthe, quello di Kirk, quello argentato e quello di Salt. Tutte e quattro le specie sono simili nell’aspetto (il colore del pelo può variare leggermente di sfumatura) e nel comportamento, ma vivono in zone diverse dell’Africa. La specie argentata, per esempio, vive nel Corno d’Africa, mentre quella di Kirk nella parte più meridionale del continente. C’è chi ritiene che il dik-dik argentato sia un discendente diretto del dik-dik di Salt.

Da dove viene il nome dik-dik

Il nome dik-dik è onomatopeico e deriva dal verso che le femmine emettono per richiamare gli altri componenti del gruppo o quando l’animale viene spaventato. Il vero nome di questa specie è infatti Madoqua. Nella stagione dell’accoppiamento il verso, che assomiglia molto ad un fischio, viene emesso anche per attirare i maschi del gruppo. Il suono è prodotto attraverso il naso durante la corsa ed è talmente forte da servire come avvertimento non solo agli altri dik-dik, ma anche ad altre animali.

Ispirati dai dik-dik

I dik-dik hanno ispirato il nome di un gruppo musicale italiano degli anni ’60, i Dik Dik appunto. Il gruppo ha dichiarato di aver scelto il nome perché sapevano di dover mettercela tutta per sopravvivere ed emergere nell’industria musicale, esattamente come questi piccoli animali devono fare per non cadere vittime di ghepardi, aquile, serpenti e leoni. Il nome sembra aver portato fortuna visto che la band è ancora in attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso