13 Gennaio Gen 2017 1023 13 gennaio 2017

Quanto dura addestramento cani da tartufo

  • ...

Per quanto concerne l’addestramento, è bene fare abbinare all’animale, l’attività di ricerca a quella del semplice gioco. In pratica: l’operazione deve essere portata avanti a piccoli passi, in maniera graduale senza pretendere di ottenere subito dei grossi risultati. In genere l’addestramento dei cani da tartufo può anche durare 5/6 mesi.

Bisogna partire dal presupposto che il cane deve considerare il lavoro come attività del tutto ludica e deve essere seguito in maniera costante.

In pratica: addestrare un cane vuol dire prima di tutto instaurare una collaborazione, un rapporto, l’animale deve essere contento di lavorare con il proprio conduttore e precisamente: nella ricerca del tartufo.

Alla luce di quanto esposto in precedenza, per prima cosa è bene giocare con l’animale insegnandogli i comandi base (seduto, terra, ottima condotta al guinzaglio, ecc.). Riuscire ad insegnare al vostro cane tutte queste cose è fondamentale per acquisire un ottimo controllo dell’amico a quattro zampe.

Quando avete instaurato un ottimo rapporto con il vostro cane, sarà possibile iniziare a fare qualcosa di nuovo, e cioè: cercare i tartufi. Se avete gettato delle buone basi, l’addestramento del cane alla cerca e al riporto darà ottimi risultati e soprattutto veloce.

Gli esercizi da fare devono essere di breve durata (dai 6 ai 17 minuti al massimo), tutto questo perché essendo ancora cucciolo, l’animale ha dei livelli di concentrazione e attenzione leggermente limitati. È bene evidenziare che non è necessario insistere al prolungamento di questi tempi poiché il risultato che potreste ottenere sarebbe piuttosto deludente.

Vediamo, ora, in sintesi come addestrare il vostro cucciolo. Per prima cosa iniziate a giocare con il vostro amico a quattro zampe con uno straccio profumato al tartufo; in seguito cercate di farglielo annusare e prendere in bocca. Successivamente gettatelo a poca distanza, se l’animale lo prende o ve lo riporta dategli in cambio un premio. In tale maniera abbinerà il riporto dello straccio profumato alla ricompensa.

Se si verifica l’evenienza che il cane non riporta indietro lo straccio profumato, avvicinatevi e sostituite lo straccio con un bocconcino. Vedrete che con un po’ di esercizio il vostro amico a quattro zampe inizierà a riportarvi lo straccio e lasciarlo per ottenere la ricompensa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati