24 Maggio Mag 2017 0812 24 maggio 2017

Cosa succede se un cane cambia padrone

  • ...

Il cane è un animale sociale e la grande socialità che lo caratterizza è alla base del forte legame che instaura con il proprio padrone. Quest’ultimo, infatti, rappresenta un componente importantissimo di ciò che il cane identifica come branco, è un vero e proprio punto di riferimento con il quale stabilisce un rapporto affettivo e di fiducia molto forte e che, generalmente, dura per tutta la vita.

Tuttavia, capita non di rado che il cane, per svariati motivi, sia costretto a cambiare padrone. Cosa succede se un cane vive questo cambiamento?

Attenzione all’ansia da separazione

La separazione dal padrone è vissuta dal cane come la perdita del proprio capobranco, un punto di riferimento fondamentale sul quale fare affidamento e dal quale ricercare protezione. Un episodio del genere può rappresentare un evento molto traumatico, che può scatenare una particolare condizione nota come ansia da separazione. L’ansia da separazione è un’anomalia del comportamento canino, spesso ritenuta una vera e propria malattia, caratterizzata da stati di ansia e panico che si manifestano con comportamenti inadeguati da parte del cane.

Defecare o urinare in luoghi inappropriati, abbaiare o guaire insistentemente, distruggere con i denti gli oggetti che lo circondano o scavare con le unghie porte e davanzali, danneggiandoli, sono i sintomi più comuni dell’ansia da separazione e che molto spesso vengono confusi con una scarsa educazione del cane.

La probabilità di insorgenza dell’ansia da separazione è tanto maggiore quanto più forte era la dipendenza o l’attaccamento del cane verso il proprio padrone.

L’ansia da separazione può essere superata grazie all’intervento di specialisti del comportamento. La risoluzione del problema, tuttavia, richiede tempo, pazienza e buona collaborazione tra il rieducatore e il nuovo padrone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso