26 Giugno Giu 2017 1002 26 giugno 2017

Come si accoppiano i pesci rossi

  • ...

Il conosciutissimo pesce rosso (Carassius auratus), che solitamente si osserva racchiuso all’interno di una boccia o di un acquario, è un comune pesce d’acqua dolce che in natura popola laghi e fiumi. Acquisire alcune nozioni riguardanti la biologia di questo animale è fondamentale per tutti quelli che hanno intenzione di allevarne alcuni esemplari. Oltre al tipo di alimentazione e ai disturbi che li possono colpire, può essere interessante sapere come si accoppiano i pesci rossi. Conoscere la modalità di riproduzione, infatti, può essere utile per impedire o favorire la nascita di nuovi individui.

Pesci rossi: ovipari a fecondazione esterna

http://www.lettera43.it/it/comefare/animali/2016/10/24/come-si-accoppiano-i-pesci/5982/

I pesci rossi sono animali ovipari a fecondazione esterna. Ciò vuol dire che la femmina non partorisce i propri piccoli ma rilascia le uova nell’ambiente e solo successivamente sono fecondate dal maschio. Un fattore limitante per la riproduzione dei pesci rossi è la temperatura dell’ambiente, che non deve essere inferiore ai 16°C. Durante l’accoppiamento gli individui dei due sessi assumono un comportamento molto particolare, che può portare la femmina allo sfinimento. Il maschio rincorre la femmina e la colpisce ripetutamente sul ventre. I colpi, dati con delle particolari protuberanze dette tubercoli nuziali, stimolano il rilascio delle uova nell’acqua. Le uova sono quindi fecondate dallo sperma emesso successivamente dai maschi. A 4 o 5 giorni dalla fecondazione si assiste alla nascita delle forme larvali di Carassius che, con il tempo, seguiranno il loro normale percorso di sviluppo, fino al raggiungimento della maturità sessuale intorno al secondo-terzo anno di vita. Quando l’accoppiamento avviene in acquario è necessario far schiudere le uova lontano dagli adulti, che tendono a divorare le larve appena nate. Si potrebbe pensare, quindi, di togliere le uova fecondate dall’acquario prima che schiudano o di allontanare direttamente gli esemplari adulti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso