3 Maggio Mag 2018 0600 03 maggio 2018

Come si distinguono gli erbivori

  • ...

Il regno animale comprende una grande varietà di organismi che si diversificano per svariate caratteristiche, una di queste è sicuramente l’alimentazione. Sulla base delle differenze nutrizionali gli animali possono essere distinti in tre grandi gruppi trofici: erbivori, carnivori e onnivori. Ciascuna categoria è di fondamentale importanza all’interno della catena alimentare ma particolare rilevanza hanno gli erbivori.

Caratteristiche distintive degli erbivori

Gli erbivori sono quegli animali che si nutrono solo ed esclusivamente di vegetali. Come i grandi predatori sono dotati di adattamenti utili per cacciare la preda (possente muscolatura, velocità, grandi zanne), anche gli erbivori possiedono tutta una serie di caratteristiche anatomiche adatte per questo tipo di alimentazione. Tali caratteristiche anatomiche rappresentano i tratti distintivi degli erbivori:

  • Non dovendo cacciare prede in genere non possiedono artigli ma zoccoli o unghie piatte;
  • Gli occhi, posizionati lateralmente, garantiscono un campo visivo molto ampio (di circa 330 gradi), ciò consente di ridurre i punti morti e di avvistare meglio i predatori;
  • La mascella, per garantire una più efficiente masticazione, è capace sia di movimento verticale che laterale;
  • I ruminanti (es. pecore e mucche)possiedono dei molari e dei premolari molto ben sviluppati, adatti per strappare e masticare l’erba. Nei roditori, come coniglio e scoiattolo, predominano gli incisivi;
  • Le dimensioni sono molto varie e vanno dalla piccola taglia dello scoiattolo, alla taglia media dei bovini e dei cervi, fino ad arrivare alla taglia gigante delle giraffe e degli elefanti.

Leggi anche “Quali animali hanno gli zoccoli

L’importanza degli erbivori

Anche se molto spesso gli erbivori non destano grande interesse, questi animali svolgono un ruolo fondamentale nella catena alimentare poiché rappresentano l’anello di congiunzione tra il mondo vegetale e quello animale. È proprio grazie agli erbivori, infatti, che le molecole vegetali (presenti nell’erba, nelle piante, nella frutta, etc.) vengono trasformate in molecole animali, le quali serviranno come nutrimento per i carnivori.

Leggi anche "Quali animali mangiano i serpenti"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso