19 Dicembre Dic 2016 1947 19 dicembre 2016

Come aprire una libreria Arion

  • ...

Arion è un marchio, un logo e un pensiero: molte librerie indipendenti di Roma si uniscono in coro contro l’appiattimento culturale e ideologico dei grandi gruppi editoriali – Mondadori, Feltrinelli, Rizzoli, per citarne alcuni – e creano una “terza via” per i clienti che, come loro, non amano imposizioni.

Come funziona una libreria Arion

Il funzionamento è facile: presso una libreria Arion è lo stesso editore che utilizza una scaffalatura gratuitamente ed espone i suoi libri in vendita. Quando poi il libro rimane invenduto, l’editore ne stabilisce il prezzo da scontare, aggiornando così la scelta di titoli in esposizione. I librai, inoltre, portano loro stessi i libri nelle librerie e questo alleggerisce ulteriormente i costi di distribuzione che ricadrebbero ovviamente sul prezzo finale.

Il messaggio culturale della libreria Arion

Sicuramente la ricerca di indipendenza è il primo fattore distintivo di questa iniziativa editoriale. A ciò si aggiunge la ricerca di uno stile libero e indipendente nel gestire il rapporto con il lettore garantendogli, attraverso una filiera “corta” della produzione, un interesse attivo e più responsabile verso i contenuti e gli autori.

Le pratiche e la scelta del sito

Nonostante questi aspetti virtuosi, la pratica impone però i soliti adempimenti burocratici riguardanti l’iscrizione alla Camera di Commercio con partita IVA, la denuncia di inizio attività fatta al Comune, le norme da rispettare sugli immobili aperti al pubblico tra cui la visita preventiva dell’ASL di zona. Il negozio, poi, deve essere possibilmente su strada, ben visibile e illuminato, con parcheggi accessibili, corredato da servizi di supporto alla lettura come il bar interno, la musica, le sale di lettura, la vendita di altri supporti quali dvd, cd, e-book, etc. Infine, ci vuole amore per la lettura, passione per il libro, piacere e ardore intellettuale: ingredienti necessari e indispensabili per un’attività, quella dell’editore, sempre più minacciata dalla scarsa lettura coltivata dai pochi superstiti dell’alfabetizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati