9 Aprile Apr 2017 0739 09 aprile 2017

Come si eredita un titolo nobiliare

  • ...

Essere nobili e di sangue blu, oggi, è qualcosa di raro e veramente prezioso, qualcosa da custodire gelosamente e da esibire come un trofeo. Qualcosa che rimanda ad un passato lontano e memorabile che non può essere cancellato. Nella società moderna non sono certo poche le famiglie che si fregiano di un titolo nobiliare. Ma è possibile, ancora oggi, diventare nobili? Viene ancora riconosciuto questo titolo in Italia?

Titolo nobiliare: il valore legale

La risposta è una e molto semplice. Sebbene ad oggi ci siano ancora in Italia circa 7.500 famiglie che appartengono alla nobiltà italiana, i titoli di principe, duca, marchese, barone o visconte, di cui si fregiano sono più o meno equivalenti ai moderni nickname che si attribuiscono tra i giovani, hanno cioè valore legale pari a zero.

In Italia, infatti, a partire dal 1948 e quindi dalla costituzione della Repubblica, i titoli nobiliari non sono più riconosciuti e non hanno quindi nessun valore giuridico. Nonostante ciò, non c’è nel nostro paese un vero proprio organo di controllo che legifera e verifica, tanto che spesso in merito c’è molta confusione.

Titolo nobiliare: impossibile averlo

In realtà, la nobiltà non esiste ormai da un pezzo e con essa anche i titoli nobiliari. Quindi anche chi se ne fregia lo fa, in un certo senso, impropriamente. Perché? Dal momento in cui i titoli nobiliari hanno perso qualsiasi valore giuridico non hanno nessun valore e per questo non è possibile nemmeno esporli sulla carta di identità. Unica traccia quelli che sono stati “cognomizzati”, divenendo parte integrante del cognome dell’ormai ex nobile. Solo una cosmesi anagrafica a suffragio di pochi eletti.

Per cui oggi, in Italia, ereditare titoli nobiliari non è possibile. Diventare nobili, in sostanza è davvero legalmente e praticamente impossibile. Nonostante questo sono veramente tante le persone che pagherebbero fior fior di quattrini per diventarlo. Se siete tra queste vi toccherà cercare fortuna in altri paesi, facendo attenzione, però, a truffe ed inganni in cambio di denaro. Attenzione però, perché qualora ci riusciste vi troverete in mano solo un pugno di mosche perché la bolla che attesta l’ottenuta nobiltà ed il tanto agognato titolo, in realtà, in Italia ha lo valore legale nullo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati