1 Maggio Mag 2017 1622 01 maggio 2017

Maiori cosa mangiare

  • ...

Maiori è un meraviglioso comune in provincia di Salerno in Campania. È uno dei comuni della Costiera Amalfitana, dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità.

Territorio

Maiori possiede la spiaggia più lunga dell'intera Costa d'Amalfi caratterizzata da una sabbia scura di origine vulcanica. La cittadina si estende sulla costa ed è a ridosso della cornice dei monti Lattari.

Cucina tipica

Oltre alle meraviglie artistiche e paesaggistiche, Maiori offre una cucina tipica straordinaria che coniuga i gusti della cucina campana ai sapori del mare.

Piatto tipico di questo comune è la "menesta 'mmaretata" dove si mescolano insieme scarola, cicoria, verza, nogli, pezzenti (insaccati di maiale) ed erbette aromatiche. Altra formidabile accoppiata: fave fresche, "fellate" di soppressate o capicollo (salami) e "casatiello", il pane tipico pasquale fatto con cigoli della sugna e abbondante pepe.

D’estate con la possibilità di avere una varietà più ampia di pescato si possono gustare primi piatti mare e monti: laganelle peperoni e scampi, tubetti con fagioli e cozze, scialatielli capperi, olive nere e vongole, fusilli gamberi e zucchine.

Secondi piatti da provare se si visita Maiori sono: pezzogne all'acqua pazza, totani e patate, calamari e piselli, scarole tirate in padella con alici salate, "purpetielli" (polipetti) alla luciana, pesce serra in cassuola, sautè di frutti di mare, fritture di fravaglie con porri macerati in aceto e le speciali pizzelle di cecenielli (bianchetti) in foglie di limone o il pesce castagna alla brace.

Assolutamente da non perdere il limone all'insalata: il magnifico sfusato amalfitano, tagliato e fette spesse e condito con olio, sale, aceto e mentuccia.

Per tutto l'anno invece delicati sorbetti e squisite delizie al limone possono essere gustati accompagnati da torte capresi, da sfogliatelle Santa Rosa e dalle ”zizze 'e monache" (o sospiri) un dolce tutto maiorese.

e' mulegnane c'a' ciucculata

Antica tradizione cittadina, le mulegnane c'a' ciucculata, rappresentano il piatto maiorese per eccellenza: una sorta di sformato dolce, tipico del Ferragosto, che, come da nome, unisce melanzane e cioccolato. E' un dolce antichissimo, la ricetta tramandata oralmente è arrivata sino ai giorni nostri, dove è diventata uno dei piatti più diffusi nella piana di Sorrento grazie alla grande disponibilità dell'ortaggio.

Le mulegnane c'à ciucculata sono una sorta di sformato dolce dove gli strati sono formati da fette di melanzane fritte e impanate immerse nella cioccolata e spolverate abbondantemente da una miscela di mandorle, amaretti e cioccolato fondente tritati. Il tutto viene servito freddo.

Fonte: Turismo Salerno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati