19 Agosto Ago 2017 0826 19 agosto 2017

Perchè gli ebrei sono stati sempre perseguitati

  • ...

Gli ebrei, a partire dalla tirannia degli assiri e dei babilonesi, dei greci e dei romani, fino al tragico climax del nazismo e del fascismo, sono stati, sempre, perseguitati e sono stati, sempre, oggetto di discriminazione, di isolamento, di tirannia e, in ultimo, di genocidi da parte degli altri popoli.

Un breve excursus storico

Già gli assiri, infatti, sottoposero gli ebrei sottomessi a un lungo dominio e molti di loro vennero deportati. Gli ebrei stessi, per esempio, dal 438 d.C., con gli editti di Valentiniano e di Teodosio, furono esclusi prima da ogni carica pubblica e poi dal diritto di accesso alle università.

La discriminazione durò, in generale, fino al 1791, con l'intervento di Napoleone, a favore degli ebrei, che emancipò, di fatto, la popolazione ebraica. Ma alcuni divieti furono ripristinati dla Congresso di Vienna, nel 1815. Nel 1871 vi fu l'emancipazione degli ebrei da parte della Germania e di tutti i paesi europei tranne la Russia che concessero la massima libertà, di fatto, agli ebrei. In alcuni paesi si concedettero dei diritti limitati agli ebrei stessi: con la speranza che questi "cambiassero per il meglio".

Fino al fascismo e al nazismo, dove si stabilì l'inferiorità degli ebrei e la "superiorità della razza ariana" e con la triste storia delle deportazioni, delle discriminazioni e dei campi di concentramento. Fino ad oggi: dove si sta registrando, negli stati europei, un'accelerazione delle partenze verso Israele: soprattutto da Francia, Ucraina e Belgio. Questo a causa di antisemitismo, instabilità interna dei tre paesi citati e difficoltà economiche. Queste molte partenze per Israele si stanno registrando, anche, dall'Italia. Quindi, un dato, anche, attuale.

Ma perchè gli ebrei sono stati, sempre, perseguitati? Ecco un breve elenco di ragioni.

Gli ebrei sono coloro che hanno tradito Gesù

Innanzitutto, c'è una ragione cristiana dell'antisemitismo. Infatti, gli ebrei sono stti quelli che hanno crocifisso Gesù. Quindi, per la loro esistenza, la popolazione ebraica era un pericolo costante nei confronti di una società (medievale) dominata dalla religione cristiana. L'idea della colpa degli ebrei per la morte di Gesù rappresentò la "condanna" per molti di essi.

Gli ebrei diffondevano la peste

Inoltre, nel Medioevo, con l'insorgere della peste, si diceva che gli ebrei avessero avvelenato i pozzi, diffondendo la stessa. Molti teologi cristiani affermavano, infatti, che gli ebrei avessero un carattere criminale. Questi erano "rei" di diffondere questa paurosa malattia: per cancellare dalla faccia della terra i cristiani.

La comune idea sugli ebrei

C'era, anche, la comune idea che gli ebrei fossero degli avari, degli usurai e che si arricchissero con i soldi degli altri. Molti ebrei erano, nelle popolazioni dove emigravano, anche dei prestasoldi e cambiamonete. Vi furono delle norme, per esempio, rilasciate da Papa Innocenzo III contro la popolazione ebraica. Infatti, vi fu questa idea di "ghettizzare" questi cittadini e di escluderli dalle associazioni professionali.

La persecuzione per la mancata integrazione nel mondo cristiano e occidentale

Un'altra ragione della persecuzione di questo popolo era (si diceva) la sua mancata integrazione nel mondo cristiano e occidentale. Relegati, infatti, da sempre nei loro ghetti: ciò causò persecuzioni e stermini nei confronti degli ebrei. Il loro modo di vestirsi, le loro abitdini quotidiane e il loro forte radicamento culturale erano, infatti, fonte di attacchi da parte delle popolazioni che li ospitavano. La loro diversità (e la loro ricchezza culturale e materiale) hanno sempre fatto paura agli stati ospitanti.

I ruoli chiave occupati dagli ebrei nei governi

Un'altra fonte di persecuzione degli ebrei fu quella più recente: secondo la quale in tutti i governi e le istituzioni si potevano trovare degli ebrei. Questo grazie, anche, alla loro intelliigenza. E quindi, gli ebrei facevano paura: per la loro ascesa al potere. Fino al nazismo e al fascismo. Dove facevano paura questi ruoli di responsabilità occupati dagli ebrei stessi, ma dove l'antisemitismo doveva diventare una lotta di tutti i popoli contro un nemico enorme e universale: la popolazione ebraica. Venne stabilita la superiortà dell razza ariana e gli ebrei venivano visti come degli "strozzini" e degli approfittatori dal nazismo. Quando, davanti ai negozi, si esponevano i cartelli di non acquistare presso i vari negozi ebraici.

Insomma, per concludere, questo popolo è stato, sempre, discrminato perchè è stato, sempre, una forte comunità culturale, nonchè economica e religiosa. Con gli ebrei c'è sempre stato, da parte del mondo occidentale e da parte delle varie popolazioni, un "senso di inferiorità" mascherato, che spingeva a perseguitarli, sempre e a discriminarli (vedi tutte le popolazioni e il nazismo e il fascismo). Dietro alla persecuzione agli ebrei si celava e si cela ancora paura, debolezza e, anche, inettitudine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso