3 Settembre Set 2017 0829 03 settembre 2017

Quali Beatles sono vivi

  • ...

I Beatles hanno rappresentato e rappresentano un punto di riferimento musicale per intere generazioni. Milioni su milioni di copie vendute e la fama di miglior gruppo nella storia della musica.

Gruppo tanto importante quanto, un po', sfortunato. Sì, perchè gli unici due superstiti del mitico sodalizio britannico, ancora vivi, sono Ringo Starr (all'anagrafe Richard Starkey) e Paul McCartney. Il primo era batterista del gruppo, nonchè, ancora, cantautore, il secondo, oggi, è solista di grande fama e successo.

Gli altri elementi dei Beatles sono morti.

L'8 dicembre del 1980, infatti, il leggendario John Lennon fu ucciso da un fanatico fan di nome Mark David Chapman: dopo un'intervista con un network radiofonico. Il fan psicopatico sparò, infatti, a Lennon cinque proiettili della sua pistola e lo uccise a sangue freddo. Si trattava di un fan squilibrato e instabile mentalmente.

Diciannove anni dopo la morte di John Lennon, un altro Beatle subì un grave attentato: George Harrison. Michael Abram, 33 anni, si introdusse, infatti, nella famosa casa di Harrison: accoltellando al petto George e colpendo alla testa la moglie Olivia. Le ferite provocate a Harrison non gli provocarono, fortunatamente, la morte. Ma, alcuni anni dopo, la morte colpì, comunque, George. Nel 2001, infatti, questo mitico componente dei Beatles morì, infatti, di tumore: nella casa di un amico a Los Angeles.

Sono, inoltre, sempre girate voci che Paul McCartney fosse morto, nel 1966, dopo una lite con gli altri Beatles, in un incidente automobilistico. E che fosse stato sostituito da un sosia: William Campbell, ex poliziotto canadese, che l'avrebbe "rimpiazzato" per la sua chiarissima somiglianza. Questa è, senz'altro, una leggenda metropolitana, che va trattata come una "diceria" e non come un fatto oggettivo. Paul McCartney è, infatti, oggi vivo e vegeto e continua con la sua attività di solista piena di successo.

Inoltre, è morto, anche, il cosiddetto "quinto Beatle": il produttore George Henry Martin, all'età di 90 anni. Fu il produttore della maggior parte delle registrazioni del mitico sodalizio inglese. Ma perchè veniva chiamato "quinto Beatle"? Perchè Martin suonò, anche, dei pezzi strumentali in alcuni loro brani. Per questo viene considerato come un elemento aggiuntivo del gruppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso