5 Ottobre Ott 2017 1549 05 ottobre 2017

Mandragola pianta dove si trova

  • ...

La Mandragola o Mandragora officinaru è una pianta perenne considerata in epoca medievale come specie arborea dalle note demoniache. Appartenente alla famiglia delle Solanacee, contiene principi tossici e cresce nelle regioni del bacino del Mar Mediterraneo, specie nelle zone assolate.

Mandragola: pianta perenne demoniaca e magica

Considerata fin dai tempi del medioevo come specie arborea pianta demoniaca e infernale, per la sua peculiare forma delle radici, grosse e spesso biforcate, la pianta acquistò facilmente la fama di possedere proprietà magiche.

Citata anche nell'Antico Testamento (Genesi 30-14/15), in letteratura una testimonianza risalente al Cinquecento che ironizza le credenze popolari della mandragola, legate sia alla fertilità, sia come potente afrodisiaco, è la famosa satira e commedia di Niccolò Machiavelli.

Mandragola: cultivar erbacea e proprietà

Appartenente alla famiglia delle Solanacee, in natura si possono rinvenire due “cultivar” arboree: quella bianca che si presenta come una radice grossa, carnosa, bianca e corolla bianco-verdognola e quella nera, che fiorisce in autunno e si distingue per una corolla violacea e radice più piccola e nerastra.

La mandragola presenta dei frutti, i pomi, (simili a bacche rosse) che emanano un odore sgradevole, contiene principi tossici, vanta proprietà afrodisiache, è un rimedio per attenuare dolore, provocare il sonno ed anestetizzare.

Dove cresce la mandragola?

La mandragola è una pianta perenne che cresce nelle regioni prospicienti al Mar Mediterraneo, in particolare nell’Europa meridionale, tra cui Italia, Grecia, Francia, Spagna, Nord Africa e Medio Oriente.

Predilige le zone assolate, in Italia possiamo reperirla nelle province di Grosseto, Chieti, Matera, Brindisi, Caltanisetta (dove è detta Minnulagrò), Catania (Mannaraona e Mandulagròna), Palermo, Siracusa, Ragusa (Pàmpina di Aùna (Modica).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso