27 Novembre Nov 2017 1036 27 novembre 2017

Cosa ha fatto sant'ambrogio milano

  • ...

Sant’Ambrogio è conosciuto soprattutto perché è il patrono di Milano, e viene festeggiato dai milanesi il 7 Dicembre.

La biografia

Ambrogio nacque a Treviri (Germania) nel 339 ed entrambi i genitori professavano il Cristianesimo. Nel 370 giunse a Milano, dove esercitò la funzione di Governante della Provincia Emilia-Liguria. Ambrogio venne eletto Vescovo di Milano ancora prima di ricevere il Battesimo: la consacrazione avvenne il 7 Dicembre del 374. L’imprevedibile accadde quando egli parlò alla folla con tanto buon senso e autorevolezza che si levò un grido: «Ambrogio Vescovo!».

Morì a Milano il 4 aprile 397.

Cosa fece a Milano

Ambrogio fu subito amato dalla gente milanese e cominciò la sua missione di Vescovo: per riscattare la vita di alcuni prigionieri di fede cristiana che erano stati catturati dai barbari, Sant’Ambrogio donò i suoi beni alla Chiesa milanese e fece fondere i gioielli appartenenti al Tesoro ecclesiastico.

Si dedicò a uno studio sistematico della Sacra Scrittura, imparò a predicare, divenendo uno dei più celebri oratori del suo tempo, capace di incantare perfino un intellettuale raffinato come Agostino di Tagaste, che si convertì grazie a lui.

Da Ambrogio la Chiesa di Milano ricevette un’impronta che si conserva ancor oggi, anche nel campo liturgico e musicale. A lui si deve, in particolare, l’unificazione della Liturgia (oggi definita con il termine “rito ambrosiano”) e un maggiore impulso al monachesimo.

Mantenne stretti e buoni rapporti con l’imperatore, ma era capace di resistergli quand’era necessario, ricordando a tutti che «l’imperatore è dentro la Chiesa, non sopra la Chiesa». Grazie al suo intervento, l’imperatore Teodosio dichiarò il Cristianesimo religione di Stato.

Ambrogio visse e operò totalmente e incessantemente tutto per Cristo e tutto per la Sua Chiesa. Il suo amore a Cristo era inscindibile dal suo amore alla Chiesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso