24 Novembre Nov 2016 1109 24 novembre 2016

Che cos’è l'aggio di Equitalia

  • ...

La domanda sorge spontanea: che cosa si intende di preciso con il termine “aggio”? Indubbiamente rispondere non è semplice e questo perché la misura fiscale è di natura finanziaria che va ad aggiungersi al totale complessivo che il contribuente per forza di cose è tenuto a pagare.

In altre parole: l’aggio viene corrisposto ai vari enti di riscossione (come Equitalia, in questo caso) per sopperire al rischio fondato che il contribuente non effettui il versamento. In caso di inadempimenti, verranno messe in atto delle procedure esecutive (come per esempio: fermi, fallimenti, sequestri, ipoteche, pignoramenti, ecc.).

È bene ribadire che gli agenti di riscossione svolgono la loro minuziosa attività di recupero del credito sempre con la previsione di un aggio (questa precisa norma è prevista dall’art. 1, comma 2 del d.lgs. 112/1999).

Solitamente l’aggio applicato sui tributi di Equitalia per ogni cartella esattoriale corrisponde all’incirca al 9 per cento della somma che viene iscritta a ruolo, a cui vanno aggiunte le spese fisse. Più precisamente, viene definito aggio la percentuale che il gestore delle merci o servizi del monopolio concede a quei determinati beni e servizi e ciò in base a specifica autorizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso