29 Novembre Nov 2016 1125 29 novembre 2016

Come condurre ammortamento contabile e fiscale delle aziende

  • ...

Questa separazione viene effettuata basandosi su una valutazione relativa alla durata della sua vita utile. Le aziende devono calcolare l'ammortamento facendo riferimento alle leggi fiscali, ai principi contabili nazionali ed internazionali e al codice civile.

Di cosa bisogna tener conto per l'ammortamento contabile

Sia l'ammortamento contabile che fiscale deve tener conto delle quote costanti, decrescenti e variabili. Per quanto riguarda quello contabile si deve tener conto del costo del bene e il coefficiente di ammortamento, quest'ultimo riscontrabile in tabelle redatte dal Ministero.

Di cosa bisogna tener conto per l'ammortamento fiscale

Per passare poi all'ammortamento fiscale è necessario verificare quali norme fossero in vigore nel periodo di imposta e poi partendo dalla chiusura del bilancio di esercizio verificare se l'ammortamento fiscale consentito sia maggiore o minore a quello contabile adoperato. Di conseguenza a variazione della base imponibile deve essere aumentata o diminuita.

La partita doppia

Nel caso di partita doppia abbiamo due metodi: quello diretto, per cui si registra nella colonna "dare" l'ammortamento e in quella stessa colonna avere lo storno, ossia la rettifica di ciò che si era accolto nel precedente conto; oppure indiretta, per cui nella prima colonna si scrive l'ammortamento mentre nella seconda i fondi di ammortamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso