16 Dicembre Dic 2016 1542 16 dicembre 2016

Qual è l’importo limite per assegno non trasferibile

  • ...

È stato previsto l’innalzamento della soglia concernente l’uso del contante, tale modifica legislativa è stata introdotta con la Legge di Stabilità 2016. In ragione di ciò, dal 1° gennaio 2016 tutti gli scambi di denaro tra dei soggetti differenti potranno avere luogo solamente fino a 2.999,99 euro in cash, invece per importi superiori sarà necessario fare ricorso a strumenti tracciabili come assegno bancario non trasferibile, carta di credito o di debito, bonifico bancario. La nuova norma vieta espressamente il trasferimento di denaro contante, e questo senza tenere conto della causa, quando l’importo oggetto della transazione è superiore ai 3mila euro.

La riforma, però, non ha portato delle modifiche sostanziali per quello che concerne la disciplina della trasferibilità degli assegni. In altre parole: se l’assegno è di importo superiore a mille euro deve contenere la “clausola di non trasferibilità”; invece se l’assegno è di importo inferiore a mille euro può essere trasferibile (e alla luce di questo non deve per forza di cose riportare la clausola “non trasferibile”).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso