16 Maggio Mag 2017 0955 16 maggio 2017

Cosa fare se a scuola ci sono i pidocchi

  • ...

Una delle più grandi paure dei genitori quando i bambini iniziano a frequentare la scuola sono i pidocchi. Questi piccoli insetti sono trasmissibili tra i bambini e possono diventare una vera e propria epidemia. Ecco alcuni consigli su cosa fare se si è informati che a scuola ci sono i pidocchi.

Cosa sono i pidocchi?

I pidocchi sono piccoli insetti che infestano il cuoio capelluto e che qui vi si riproducono. Generano un intenso prurito dovuto alla loro puntura e si concentrano in particolare su nuca, parte superiore del collo e dietro le orecchie. Si diffondono tramite contatto diretto con persone affette da pediculosi o indiretto toccando ad esempio i loro vestiti o lenzuola.

Sintomi

I pidocchi si presentano con un intenso prurito del cuoio capelluto, piccoli rigonfiamenti rossi su cute, collo e spalle che possono avere croste e produrre liquido, presenza di piccoli puntini bianchi (lendini) sul fondo di ogni capello difficili da togliere.

I pidocchi a scuola

In caso di infestazione a scuola, la cura immediata consiste in un trattamento specifico (shampoo o prodotto apposito) che ha effetto immediato e uccide i pidocchi. La prevenzione è importante: controllare spesso (almeno una volta al giorno) i capelli dei bambini e se si trovano i pidocchi fare subito il trattamento, preferibilmente utilizzando prodotti senza insetticida chimico, che abbiano un’azione meccanica e ripeterlo dopo una settimana. Se invece si trovano solo delle lendini si dovranno rimuovere a mano essendo queste delle minuscole uova.

La prevenzione con uno spray inoltre può essere molto utile in caso di contagio a scuola: i prodotti creano una barriera protettiva e prevengono il contagio. Meglio utilizzare quelli che hanno una composizione priva di componenti chimiche e a base estratti vegetali.

Altre accortezze da seguire sono: raccogliere i capelli alle bambine e dire ai bambini di non scambiare berretti, sciarpe ecc..

Fonte: http://mestieredimamma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati