9 Agosto Ago 2017 1200 09 agosto 2017

pappe in vacanza come fare

  • ...

Portare in vacanza l’abitudine di preparare le pappe al proprio bambino talvolta può sembrare una missione impossibile. Alimenti freschi, brodo, contenitori, frullatori, bollitori e pentolini: un kit composito che però è possibile ricomporre anche nei luoghi di villeggiatura.


Pappe a base di omogeneizzati e passati pronti per l’uso


Quando si hanno bambini tra i 6 mesi e l’anno, le pappe richiedono pochi e semplici ingredienti. Se i piccoli sono abituati a mangiare la pappa a base di brodo vegetale, ma non è possibile prepararlo in vacanza, si può ovviare diluendo omogeneizzati di verdure con un po’ d’acqua oppure ricorrere a passati monodose già pronti. Questi ultimi sono disponibili in tutti i negozi specializzati per bambini, presenti anche all’estero. Farina di riso, mais, cereali o semolino sono ottimi addensatori che aiutano ad arricchire la pappa del piccolo e sono facilmente trasportabili. Olio e parmigiano, infine, sono alimenti reperibili anche presso i bar che possono funzionare da supporto per la preparazione delle pappe.


Pappe in vacanza dopo i 12 mesi


Quando i bambini hanno già raggiunto l’anno, l’alimentazione è simile a quella degli adulti. Gli alimenti per preparare le pappe sono un po’ più complessi, ma grazie a contenitori monodose, spesso adatti anche al microonde, e thermos che resistono 5/6 ore si possono realizzare pasti comodamente anche in vacanza. Si suddividono i singoli ingredienti e si ricompongono nell’appartamento affittato per la villeggiatura o presso la cucina di un ristorante. L’unico accorgimento, per evitare stress conseguenti alla preparazione di pappe in vacanza con ingredienti pratici come omogeneizzati o passati già pronti, è che questi ultimi vengano approvati dal bambino facendoglieli assaggiare prima di partire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso