10 Ottobre Ott 2016 0807 10 ottobre 2016

Come temperare il cioccolato?

  • ...

È bene evidenziare che per poter utilizzare il cioccolato, e questo per salse con cui cospargere le torte, decori, per fare dei cioccolatini, bisogna fonderlo. Questi termini sono decisamente noti al pubblico dei lettori dell’Era Internettiana, quali sono i metodi più sicuri e facili?  Temperare il cioccolato è una procedura di cui quasi sicuramente avrete sentito parlare, ma che ancora molto raramente si fa nelle case. Tutto questo a causa dell’elevato costo dell’indispensabile termometro (digitale a sonda). Ma, vediamo come si tempera il cioccolato; la procedura da seguire è relativamente semplice. In pratica, si tratta di fondere il cioccolato (ad una temperatura all’incirca di 50°C), versarlo su una lastra di marmo e, mescolarlo con delicatezza con una spatola (bisogna fare attenzione ad una cosa fondamentale: quella di non incorporare molta acqua). E questo fino a raggiungere una temperatura di 28-29°C. In seguito dovete poi rimettere il cioccolato sul fuoco e questo sino a quando la massa non ha raggiunto la temperatura di 31°C (per il fondente) e 29°C (per quello al latte e bianco). Dovete tenere conto di una cosa fondamentale: mai al di sopra della soglia di 33, altrimenti l’operazione è da rifare da capo. La cosa importante da tenere in considerazione è quella per cui la temperatura dell’ambiente, in cui temperate il cioccolato, influisce molto sull’operazione, per cui l’ideale sarebbe di operare ad una temperatura compresa tra 19 e 23°C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati