19 Ottobre Ott 2016 1640 19 ottobre 2016

Animali strani: l'olinguito, metà orso metà gatto

  • ...

L'olinguito è una scoperta recente: un piccolo mammifero dell'America meridionale, molto simile ad un procione. Vediamo le sue caratteristiche.

Da pochi anni è entrato ufficialmente nel registro degli animali riconosciuti e classificati anche l'Olinguito. Kristofer Helgen ne ha resa nota la scoperta dell'Agosto del 2013 e lo ha denominato così in quanto Olingo è già il nome adottato in lingua spagnola per riferirsi al Bassarycion. Il suo nome scientifico è infatti Bassarycion Neblina.

Si tratta di un mustelide appartenente alla famiglia dei Procionidi. Vive nelle foreste montane delle Ande di Colombia ed Ecuador. Nel 2014 l'International Institute for Species Exploration lo ha fatto rientrare nella top 10 delle nuove specie dell'anno, descrivendo l'Olinguito come un nuovo animale a metà tra un gatto e un orso bruno.

Descrizione, abitudini e comportamento Questo grazioso animale dal manto bruno è lungo circa 35 cm e arriva a pesare intorno ad 1 kg. Ciò lo rende il più piccolo procionide per adesso conosciuto. L'Olinguito è onnivoro e si nutre in prevalenza di frutti, come ad esempio fichi, e di insetti e nettare.

La scoperta recente porta a pensare che si tratti di un animale solitario e notturno. L'Olinguito è inoltre prettamente arboricolo, cioè vive e trascorre gran parte del proprio tempo sugli alberi. Inoltre, si crede che la sua gestazione porti ad avere un solo cucciolo per volta.

Scoperta L'Olinguito è stato scoperto molto recentemente. Per questo motivo non se ne sa ancora molto, ma sono già iniziati studi specifici a riguardo. Si pensa che, visto l'habitat in cui vive, potrà essere a rischio estinzione per via della deforestazione, nonostante ancora non sia stato dato l'allarme.

Kristofer Helgen, dello Smithsonian National Museum of Natural History, e Roland Kays, del North Carolina Museum of Natural Sciences, hanno annunciato nel 2013 la scoperta di questa nuova specie, fino ad allora confusa con quella dei parenti prossimi dell'Olinguito, i Bassorycion. Rispetto a questi, l'Olinguito presenta una pelliccia più folta ed una coda più corta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati