27 Gennaio Gen 2017 0917 27 gennaio 2017

Come fare punto croce greche monocolore

  • ...

Come si lavora il punto croce

Il punto croce è una vera e propria tecnica che segue delle regole precise per ottenere un ricamo senza errori o nodi, questi ultimi l’incubo di ogni sartina professionale o amatoriale. Il punto deve essere eseguito inserendo l’ago nella trama del tessuto rispettando la quadratura, con movimenti verticali che si congiungono in linee diagonali nel dritto, mentre nel rovescio disegnano delle linee rette. Molto importante è il verso da tenere: sempre verso sinistra o destra, è indifferente, e soprattutto se il colore da usare è sempre lo stesso. La “croce”, poi, si completa procedendo nel verso contrario facendo passare l’ago dal dritto al rovescio e dall’alto verso il basso per chiudere la diagonale.

Gli strumenti da utilizzare

Sono fondamentali questi strumenti:

  1. una tela “aida”, dalla trama a quadretti, oppure lino che ha le stesse caratteristiche
  2. un telaio da ricamo circolare, o “stretcher bars”, strisce adesive, per tenere in tensione la stoffa
  3. fili colorati per ricamo
  4. un set di aghi dalla testa numero 22 fino al 28
  5. un ditale e una forbice da stoffa.

Le greche monocromatiche

Esistono molti schemi che rappresentano vari soggetti, e tra questi le greche, disponibili in merceria o su internet. Si tratta di cornici o disegniripetitivi” monocolori da apporre sui bordi della stoffa ricamata, i cui motivi possono essere di vario tipo: da quelli prettamente geometrici a quelli che ripetono un disegno (frutta o fiori, motivi per l’infanzia, motivi di cucina, etc.) o adornano solo gli angoli (bordura), fino a motivi di piccole dimensioni, quasi una sola riga, chiamati “bordini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati