31 Maggio Mag 2017 0907 31 maggio 2017

Quali oli usare per un massaggio

  • ...

Il massaggio è da sempre un momento speciale che porta chi lo "subisce" a vivere preziosi minuti di relax, silenzio, benessere allontanandosi dallo stress quotidiano e svuotando la mente da qualsiasi problema; per rendere davvero efficace un massaggio, le componenti sono solamente due, ma fondamentali e indissolubili: la capacità di colui che lo compie e l'olio utilizzato.

Quali sono gli oli naturali per massaggio

Gli oli cosiddetti "vettori"( costituenti, cioè, la base degli oli da massaggio) che vengono utilizzati puri, mescolati tra loro o con aggiunta di oli essenziali (menta, rosmarino, eucalipto, lavanda) che ne potenziano le capacità, sono dieci: l'olio di mandorle dolci, l'olio di jojoba, l'olio di cocco, l'olio di vinaccioli, l'olio di oliva, l'olio di girasole, l'olio di sesamo, l'olio di avocado, l'olio di germe di grano.

Funzionalità dei diversi oli

L'olio di mandorle dolci è adatto alle pelli secco, è antinfiammatorio, libera dal prurito e riduce le smagliature; l'olio di jojoba libera i pori e ha elevate proprietà antibatteriche; l'olio di cocco ha una potente azione lenitiva (consigliato dopo aver preso il sole); l'olio di vinaccioli ha proprietà emollienti e antiossidanti; l'olio di oliva è ricco di Vitamina E e contrasta l'invecchiamento cutaneo; l'olio di girasole è l'ideale per un massaggio rilassante; l'olio di sesamo è molto efficace in casi di artrite; l'olio di albicocca ha grandi proprietà elasticizzanti; l'olio di avocado è l'ideale in caso di pelle facile ai rossori; l'olio di germe di grano ha un forte potere idratante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati