12 Novembre Nov 2017 2020 12 novembre 2017

Come restaurare un mobile

  • ...

Se si ha un vecchio mobile di legno pregiato si può restaurarlo facendo affidamento al Trattamento “Fai da te”: basta acquistare tutto l’occorrente presso i migliori negozi specializzati di ferramenta fisici o online. Ecco i passi su come restaurare un mobile e rimetterlo “a nuovo”.

Restaurare un mobile: come procedere

Con il passare del tempo i mobili e tutti gli arredi in legno pregiato possono subire l’usura ed apparire rovinati: per evitare che questo accada occorre seguire pochi semplici step necessari per restaurare ad hoc un mobile di legno.

Se restaurare un mobile di legno può sembrare un’impresa ardua e difficile: in effetti, è molto semplice e il trattamento può essere eseguito da chiunque, anche dai meno esperti, mediante il ricorso dell’economico e veloce trattamento “Fai da te”.

Ecco l’occorrente per procedere con il restauro dei mobili in legno:

  • impregnante antitarlo
  • acqua ragia
  • cera d'api colorata
  • carta vetrata fine e finissima
  • stucco per legno
  • vernice colorata
  • copale
  • teli in plastica
  • nastri
  • siringa e pennello

Ecco la lista di tutto l’occorrente per procedere con il Trattamento “Fai da te”.

Trattamento “Fai da Te”: come restaurare un mobile in legno

Una volta acquistata tutta la strumentazione e tutto l’occorrente si deve procedere con la preparazione del mobile sul pavimento coperto dai teli in plastica.

Con la carta vetrata fine occorre rimuovere i residui di vernice e di copale, anche gli angoli devono essere ben strofinati al fine ultimo di eliminare tutta la vernice in profondità.

Con un panno si pulisca il mobile in legno dalla polvere e si proceda con lo “spalmare” l’impregnante sulla polpa lignea del manufatto: in commercio esistono diverse soluzioni antitarlo già pronte per l’uso.

Basta utilizzare una siringa per iniettare l’impregnante nel legno e finire con “spennellature” di antitarlo le parti più difficili del mobile in legno. Si può imballare il mobile con dei teli e nastri in modo tale da creare una sorta di “camera a gas”.

Questo trattamento antitarlo consente di restaurare ad hoc il mobile e preservare il legno dall’azione degli insetti xilofagi: decorse 48 ore è possibile procedere con la verniciatura del mobile e con la spennellatura di copale.

Eventualmente, prima di verniciare il legno, può essere utile riempire i fori o i “buchi” lasciati dai tarli con cera e stucco. Una volta pronto, il mobile apparirà come se fosse nuovo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso