19 Ottobre Ott 2017 1510 19 ottobre 2017

Autonomia del Veneto

  • ...

Il 22 ottobre 2017 in Veneto ci sarà la consultazione referendaria regionale per stabilire se sia possibile o meno richiedere al consiglio regionale di presentare un disegno di legge in parlamento che preveda la trasformazione da regione a statuto ordinario a regione a statuto speciale: da anni il Veneto è una delle regioni che maggiormente manifesta insofferenza verso le leggi che prevedono l'equa distribuzione di tasse e tributi provenienti dai loro cittadini con il resto dell'Italia.

Precedenti proposte di referendum per l'autonomia del Veneto

Già negli anni 1991-1992 l'amministrazione regionale presieduta dalla coalizione al governo aveva presentato richiesta per l'approvazione di un referendum in cui ai cittadini venisse richiesto di esprimere opinione favorevole o contraria all'autonomia del Veneto: la consulta venne, però, bloccata. Lo stesso avvenne nel 1998 e nel 2002.

Tra il 2005 e il 2006, invece, il governo Berlusconi indisse un referendum riguardante il cambio della Costituzione: uno dei punti avrebbe previsto la possibilità di rendere alcuni settori amministrativi e finanziari autonomi per le singole regioni. Questo punto, però, venne bocciato dagli elettori, impedendo il cambiamento.

In cosa consisterebbe l'autonomia regionale del Veneto

Nel caso in cui il referendum per l'autonomia ricevesse maggioranza di “sì”, la proposta di legge per l'autonomia potrebbe essere presentata in parlamento, permettendo di richiedere cambiamenti in ambito di giustizia di pace, di istruzione, di ambiente, di ecosistema, di beni culturali, di materie di competenza concorrente.

Nel particolare, il Veneto vorrebbe la destinazione di almeno l'80% dei tributi pagati a beni e servizi regionali; il trattenimento in regione dell' 80% delle tasse riscosse; l'esenzione del gettito rilevante dalle fonti di finanziamento regionale di vincoli di destinazione; la trasformazione del Veneto in regione a statuto speciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso