7 Ottobre Ott 2016 1453 07 ottobre 2016

Educare i figli: 10 errori comuni

  • ...

Il verbo "educare" deriva dal latino "educere"e letteralmente significa "tirar fuori" o "tirar fuori ciò che sta dentro".

Educare i propri figli non significa solo indirizzarli alle buone maniere nei confronti del prossimo ma anche insegnargli e istruirli in tutte le discipline possibili e immaginabili. Proprio per la multiversatilità di questo tipo di mansione, l'educazione di un figlio è piuttosto difficile e, molto spesso, i genitori non sanno bene quali siano le modalità corrette per far sviluppare la crescita psicologica e personale dei propri eredi.

Solitamente infatti i genitori tendono a concentrarsi in un campo specifico, tralasciando tutte le altre possibilità, dando così luogo a una crescita filiare monotematica.

I 10 errori più comuni nell'educazione dei figli

Essere iperprotettivi. L'errore più comune che la maggior parte dei genitori compie è quello di avere atteggiamenti troppo protettivi nei confronti dei propri figli. Questo atteggiamento da "mamma chioccia" non permette ai proprio eredi di godersi a pieno nuove esperienze in quanto i bambini vivono con timore l'affrontare nuove sfide piuttosto che esserne stimolati.

Non dire mai di no. Il genitore non deve mai fare tutto quello che vuole un bambino. Mai. Trasgredendo questo dogma infatti si otterrà una situazione in cui sarà il bambino a dettare le regole e questo influirà negativamente sullo sviluppo psicologico e sociale del figlio che non riuscirà a farsi valere una volta diventato adulto in quanto non sarà capace di combattere le proprie battaglie.

Perdere la calma con un bambino. Anche di fronte a capricci e prese di posizione noiose da parte dei propri figli, un genitore non deve mai dare di matto né a fatti né a parole. Dire infatti al proprio bambino frasi del tipo "Ma come ho fatto ad avere un figlio come te" o "Preferirei tu non fossi mai nato" non solo ferisce i propri figli in maniera gratuita e grave, ma li può rendere insicuri e timorosi nel corso della vita.

Intromettersi nelle relazioni dei figli. Se vostro figlio torna ferito dall'asilo a causa di uno spintone, non bisogna mai permettersi di fare il diavolo a quattro né con i genitori dell'altro bambino né direttamente con lui. Si può discuterne tra genitori, questo è ovvio, ma bisogna insegnare al proprio figlio il valore del confronto verbale di modo che questi saprà sempre cavarsela da solo e non correrà sempre da voi non appena riscontra un problema.

Credere che il proprio figlio sia perfetto. Questo è forse l'errore più comune e condiviso dalla maggior parte dei genitori, specie dalle mamme. Far credere al proprio figlio di essere "Dio sceso in terra" non lo aiuta nello sviluppo anzi lo rende talmente carico di aspettative che, pur di non deludere l'immagine perfetta che gli avete affibiato, non imparerà mai ad accettare una sconfitta con onore ma ne soffrirà.

Essere in competizione con gli altri genitori. "Mio figlio è più bravo del tuo in matematica" – "Il mio invece è più bravo del tuo a giocare a calcio". No. Nessun genitore deve mai idolatrare il proprio figlio né sponsorizzarlo in presenza degli altri genitori. Almeno che non voglia crescere il proprio erede come un borioso pieno di sé.

Fare i compiti al posto suo. Questo è sbagliatissimo nell'educazione dei figli in quanto non gli si insegna a rispettare i propri doveri. Credete poi che una maestra non se ne accorga?

Essere in disaccordo con l'altro genitore. Quando si affrontano i figli, i genitori devono fare fronte comune. Poco importa se non è davvero così ma, di fronte al bambino, la soluzione dev'essere una e una sola. In questo modo il figlio sa che è la cosa giusta da fare e, se dovesse riscontrare problemi, saprà sicuramente che chiedere a uno dei due genitori non cambierà le cose e non incrinerà i rapporti tra loro.

  • Anticipare i desideri dei figli. Se si avverte che i propri figli si sentono inferiori in qualsiasi situazione, non bisogna mai forzarli in alcun modo. Ad esempio, se i propri figli si sentono insicuri a scuola, non si vede coprirli di vestiti firmati o accessori appariscenti di modo da farli spiccare nel mucchio. Questo atteggiamento provocherà infatti un senso di soffocamento nel figlio piuttosto che di incoraggiamento.
  • Essere troppo servizievoli. Pulire la stanza dei figli, riordinargli i giochi, fargli la cartella o protargli la colazione a letto sono tutti atteggiamenti che influiscono negativamente sui propri eredi, minando fortemente la loro indpendenza futura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati