26 Ottobre Ott 2016 1909 26 ottobre 2016

Come eliminare i brufoli

  • ...

Molte persone affrontano una lotta continua con i brufoli che non vanno via: scopriamo qualcosa in più.

Il problema dei brufoli che non vanno via affligge sia gli uomini che le donne, e contrariamente a quanto si pensa non è un disturbo legato esclusivamente all'età adolescenziale: molto spesso l'acne colpisce anche dopo i trent'anni, e combatterla è comunque molto difficile.

I brufoli oltre a non essere gradevoli dal punto di vista estetico sono causa di non pochi fastidi per le persone che ne sono affette: la pelle è continuamente arrossata e untuosa e presenta notevole desquamazione e sensibilizzazione nelle zone maggiormente colpite, tanto da rivelarsi spesso dolorosa al tatto.

Lotta ai brufoli: le cause

Le cause dei brufoli sono molteplici: in adolescenza, le numerose modificazioni ormonali che avvengono all'interno dell'organismo a volte stimolano in maniera eccessiva la produzione di sebo, che tende ad ostruire i pori della pelle intrappolando in essi anche il Propionibacterium acnes, che irrita  i follicoli causandone la rottura con conseguente formazioni di brufoli, alcuni dei quali purulenti che nei casi più gravi possono degenerare in cisti e noduli.

Vi è poi un tipo di acne detta tardiva, che colpisce principalmente le donne dopo i 30 anni, e tra i 40 e i 45 anni, denominata anche acne da stress: in questo caso, può essere di tipo ereditario e avere cause sconosciute oppure dovuta ad uno stile di vita irregolare e a un'alimentazione sbagliata che causano scompensi negli ormoni androgeni responsabili della funzionalità delle ghiandole sebacee.

L'acne tardiva può essere causata anche da un ovaio policistico o da un'assunzione troppo prolungata della pillola anticoncezionale ad alto dosaggio, a volte utilizzata nel trattamento di patologie legate all'apparato riproduttivo.

Lotta ai brufoli: i rimedi

Il primo passo per combattere i brufoli consiste nel mantenere la pelle il più possibile pulita, utilizzando per la detersione del viso dei prodotti specifici, che abbiano potere sebo equilibrante ed astringente, da unire a una crema per il viso con le stesse caratteristiche e a prodotti per il trucco oil-free: la Clinique è la casa cosmetica più conosciuta che offre trattamenti make up e skin care specifici per pelli problematiche o a tendenza acneica in grado di arginare sensibilmente questo problema.

Inoltre, è fondamentale tenere sotto controllo l'alimentazione, evitando di abusare di fritti, cibi troppo conditi o elaborati, cioccolata e prediligendo frutta fresca, verdura, pesce azzurro e un acqua a basso contenuto di sodio che favorisca la diuresi e l'eliminazione di quelle scorie presenti nell'organismo responsabili di rendere la pelle grassa e poco luminosa.

Se il problema persiste, allora l'unica strada da percorrere per combattere i brufoli è rivolgersi a un medico specializzato in problemi della pelle, che prescriverà delle analisi per individuare l'origine della patologia, da curare eventualmente con una terapia antibiotica e con un trattamento topico antisettico. Se invece i brufoli sono causati dal malfunzionamento dell'apparato riproduttivo, bisognerà consultare un ginecologo che interverrà con un trattamento mirato a ristabilire l'equilibrio ormonale e la salute della pelle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati