30 Ottobre Ott 2016 1717 30 ottobre 2016

Pidocchi nei bambini: come prevenirli ed eliminarli

  • ...

Tra gli episodi meno piacevoli che caratterizzano l'infanzia vi è quello legato ai pidocchi: vediamo come prevenirli o eliminarli.

Tutti noi almeno una volta da bambini abbiamo avvertito quel fastidioso prurito segnale inconfondibile della presenza di questi fastidiosi visitatori, e se un tempo alcuni genitori molto sbrigativi rimediavano a questo problema rasando i capelli dei figli a zero, oggi oltre ai tantissimi prodotti per eliminare i pidocchi vi sono alcuni accorgimenti a cui attenersi per prevenirli.

La presenza dei pidocchi non va di pari passo con la scarsa igiene, come si pensava in passato, anzi essi attecchiscono e depositano le loro uova alla radice dei capelli con maggior facilità se questi sono particolarmente puliti: il prurito infatti non è causato dalla sporcizia, ma dalla puntura di questi insetti, di colore scuro e lunghi 2 - 4 mm, che se presenti in gran numero possono scatenare una voglia di grattarsi talmente forte da causare ferite sul cuoio capelluto.

Pidocchi: come si diffondono

E' il contatto tra persone la causa principale della diffusione dei pidocchi. Spesso tendono a 'passare' tra una testa e l'altra: soggetti a rischio sono i bambini (e gli adulti) coi capelli lunghi; i pidocchi si prendono con facilità mentre si gioca o si fa sport. Altro veicolo di diffusione sono indumenti, spazzole e pettini. Per questo la scuola la palestra e la piscina sono ambienti 'a rischio' (i pidocchi non temono l'acqua). Le lendini invece non causano contagio.

Pidocchi: come riconoscerli

I pidocchi sono parassiti di colore scuro e di forma allungata, lunghi 2 - 4 millimetri, la cui diffusione e sopravvivenza è strettamente legata al sangue umano, che succhiano dal cuoio capelluto dopo aver infestato i capelli di bambini ed adulti. Hanno un ciclo vitale veloce: depongono uova (lendini) che si schiudono in 8-10 giorni quindi eliminarli in breve tempo è fondamentale per far sì che non proliferino in maniera esagerata dando origine anche a importanti reazioni allergiche.

Pidocchi: come capire che nostro figlio li ha presi.

Il primo segnale che può far pensare ai pidocchi è senz'altro il prurito: il continuo bisogno di grattarsi la testa, specie dietro la nuca e nei dintorni delle orecchie, cuoio capelluto arrossato che presenta piccoli graffi nelle zone in cui il prurito è particolarmente intenso sono tutte probabili avvisaglie della presenza di questi fastidiosi insetti, da verificare osservando la testa del bambino in presenza di una luce naturale, in quanto quella domestica potrebbe rendere le uova trasparenti, e quindi invisibili.

Pidocchi: come prevenirli

Non esiste una vera e propria forma di prevenzione per scongiurare la presenza di questi insetti: è importante però effettuare il controllo dei capelli dei nostri bambini ogni due settimane per verificare se ci sono pidocchi, ed avvertire eventualmente la classe e la direzione della scuola in modo tale da arginare il problema il prima possibile, procedendo a trattare i capelli con prodotti anti pediculosi per eliminare in breve tempo questi fastidiosi parassiti.

Pidocchi: quali sono i migliori prodotti per eliminarli

Tra i prodotti più efficaci per eliminare i pidocchi, lo spray della Paranix, oppure lo shampoo della stessa linea; molto apprezzata da anni è anche la linea Mediker AP. Ovviamente tutti i trattamenti anti-pediculosi non contengono antiparassitari né sostanze dannose per i bambini o per l'ambiente. E' bene evitare invece il MOM, poco pratico da utilizzare e l'aceto consigliato dalle nonne, in quanto l'odore allontana i pidocchi ma non elimina quelli già presenti.

Pidocchi: uso dei prodotti antipediculosi

Se usiamo uno spray anti pidocchi, dobbiamo vaporizzarlo sul cuoio capelluto e su tutti i capelli lasciandolo agire per un quarto d'ora massaggiando la cute, le radici e le lunghezze. Poi dobbiamo procedere al lavaggio dei capelli con uno shampoo normale, e procedere all'eliminazione di pidocchi e lendini morte pettinando ciocca per ciocca con lo specifico pettine fornito insieme allo spray o con un pettine dalla dentatura molto fitta che consenta di eliminare tutte le uova e i parassiti presenti.

Pidocchi: trattamenti di profilassi per la famiglia.

Se uno dei nostri figli ha preso i pidocchi, è bene che tutta la famiglia si sottoponga a un trattamento di profilassi per scongiurare il contagio, lavando in lavatrice a 60 °C tutti gli indumenti e la biancheria per la casa (copridivani e copriletti compresi) che possono essere eventualmente entrati in contatto col bambino affetto da pediculosi. Il trattamento per evitare la proliferazione di questi insetti deve essere eseguito nello stesso momento da tutti i componenti della famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso