29 Novembre Nov 2016 1052 29 novembre 2016

Come aprire ambulatorio infermieristico convenzionato

  • ...

Nel futuro la popolazione nel nostro Paese invecchierà sempre più, per questo motivo la classe dirigente della nazione ha introdotto negli ultimi anni, delle importanti novità per quello che concerne le modalità su come aprire un ambulatorio infermieristico convenzionato. Indubbiamente, per poterlo fare è necessario superare degli scogli non indifferenti a causa dei ferrei paletti e vincoli introdotti dal legislatore. Se la sanità pubblica va incontro a dei problemi di non facile soluzione, alcuni infermieri di buona volontà hanno pensato di impegnarsi direttamente ed aprire degli ambulatori infermieristici convenzionati. Tutto questo sta ad indicare che nel nostro Paese la solidarietà tra generazioni è qualcosa insito nel DNA di tutta la cittadinanza. Tutto questo va nell’ambito delle misure di razionalizzazione e riduzione della spesa per acquisti di beni e servizi destinati agli indicati dal SSN.

Com’è possibile aprire un ambulatorio infermieristico convenzionato?

È bene ribadire innanzitutto che la gestione dell’assistenza sanitaria infermieristica si apre al libero mercato, alla concorrenza e alla libera scelta. Tutto questo è fondamentale per creare qualcosa di nuovo. L’esercizio della libera professione si articola in diversi livelli e questo sia dal punto di vista organizzativo che giuridico: lavoro autonomo nell’ambito di una precisa associazione tra professionisti (studio associato), lavoro autonomo individuale, lavoro autonomo nell’ambito di molteplici forme associative più forti e complesse quali ad esempio le cooperative sociali.

Per tutte le forme dell’esercizio libero professionali la normativa ha previsto numerosi adempimenti di ordine burocratico-amministrativo: iscrizione all’Albo Professionale, registrazione diploma di laurea presso il servizio 1 della Azienda USSL ove si intende esercitare, richiesta di assegnazione partita IVA, stipula polizza assicurativa responsabilità civile verso terzi ed altro ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso