14 Dicembre Dic 2016 1541 14 dicembre 2016

Che cos’è il metodo Ruffini

  • ...

Sono già diversi anni che il dottor Gilberto Ruffini afferma di poter riuscire in una grande cosa: quella di poter curare con l’ipoclorito di sodio più di 100 patologie, fra cui acne, dermatiti, verruche, ustioni e psoriasi. Ma alcuni medici sono leggermente scettici, e questo al punto che definiscono il metodo Ruffini un “curare con la candeggina”.

Ma a questo punto la domanda sorge spontanea: che cos’è in definitiva il metodo Ruffini? Il Metodo Ruffini è stato ideato dal dottor Gilberto Ruffini; quest’ultimo era un medico chirurgo, ematologo e dentista di Varese. È uno specifico trattamento dermatologico a uso topico (che viene applicato direttamente sulla parte malata) di ipoclorito di sodio, tra il 6 e il 12%. È bene ricordare che le diverse patologie dermatologiche trattabili sono infatti tutte quelle manifestazioni in cui la causa della malattia è micotica, virale, protozoaria, batterica o parassitaria nonché utilizzi d’emergenza (come per esempio: ferite, ustioni, punture d’insetti). Bisogna sottolineare che i principali campi della medicina a cui si rivolge prevalentemente il Metodo Ruffini sono la ginecologia, la chirurgia, la dermatologia, l’oculistica, l’urologia e la veterinaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso