13 Marzo Mar 2017 1000 13 marzo 2017

Come aiutare la digestione lenta

  • ...

Pesantezza di stomaco, gonfiore addominale e sonnolenza sono tutti sintomi che stanno ad indicare che si soffre probabilmente di digestione lenta. Spesso questo disturbo è accompagnato anche da difficoltà di concentrazione, rallentamento dei riflessi e senso di nausea. Esistono alcuni accorgimenti per porre rimedio a questo fastidio e vivere in serenità.

Alimentazione corretta

La prima cosa da fare è senza dubbio regolare l’alimentazione: bisogna mangiare con regolarità, ad orari prestabiliti e con calma, masticando lentamente. Vanno evitati i cibi troppo pesanti, grassi, eccesso di proteine animali, i fritti, le bibite gassate, l'alcool e la caffeina. Prediligere le verdure e la frutta fresca e tanta acqua naturale: nutrienti facilmente digeribili, ma soprattutto ricchi di liquidi e di fibre che aiutano a prevenire la stipsi.

Abbinare i cibi

Spesso la causa della digestione lenta è lo scorretto abbinamento delle sostanze nutritive: i cibi grassi (ovvero l’olio, il burro, i formaggi, ecc.) fonte di lipidi, andrebbero abbinati esclusivamente ai carboidrati, che a loro volta non vanno accompagnati a cibi acidi. Alle proteine non andrebbero mai aggiunti gli amidi ma solo verdure fresche. E la frutta andrebbe mangiata lontano dai pasti.

Aumentare il metabolismo

Questo disturbo è dovuto anche ad uno stile di vita sedentario: aumentare il metabolismo la capacità di digerire e “metabolizzare” gli alimenti è possibile essenzialmente praticando dell’attività motoria. Basterebbe una camminata di 30 minuti al giorno oppure praticare esercizi che stimolino la fascia addominale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso