27 Maggio Mag 2017 1156 27 maggio 2017

Cosa fare se un anziano non mangia

  • ...

Con l’avanzare dell’età spesso aumenta il senso di inappetenza ed è difficile mangiare. Questo vale soprattutto per gli anziani che per più fattori rischiano di finire in situazioni gravi di denutrizione.

Perché gli anziani non mangiano

Gli anziani che non mangiano possono essere mossi da motivazioni diverse: alcune prettamente fisiche, legate alla funzionalità degli organi che intervengono nel processo di alimentazioni; altre psicologiche, legate a patologie quali, per esempio, la depressione; altre fisiologiche, legate alla difficoltà di digestione.

Spesso la malnutrizione nell’anziano deriva proprio dalla pigrizia di consumare un pasto in solitudine o da un senso di infelicità e noia causato dall’essere soli in un momento che dovrebbe essere di piacere.

Come stimolare l’appetito

Per invogliare gli anziani che rifiutano il cibo a mangiare è quindi necessario aiutarli ad organizzare una dieta varia che razionalizza nell’arco della giornata tre pasti principali e almeno due spuntini. I cibi dovranno essere gustosi, in quanto con l’età avanzata si tende a perder il senso del gusto, magari aggiungendo delle spezie.

Per contrastare l’inappetenza negli anziani ci si può rivolgere anche a rimedi naturali e omeopatici come l’angelica, l’eleteurococco, il fieno greco, la genziana e la pappa reale.

Importante è anche fare in modo che l’anziano mangi in compagnia, stimolando la conversazione durante il pasto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati