6 Giugno Giu 2017 1209 06 giugno 2017

Cosa fare se fa male il fegato

  • ...

Il fegato è organo che svolge diverse fondamentali funzioni: eliminare tossine e cellule inutili; sintetizzare i glucidi e lipidi; immagazzinare le vitamine A, D, K, E, trasformandole in energia; aiutare il processo digestivo. È purtroppo anche un organo molto sensibile, che risente fortemente di uno stile di vita insano. Si accusa molto spesso un dolore al fegato, a volte solo passeggero, ma qualora si presentassero i seguenti sintomi sarà necessario farsi visitare da un medico: Nausea, dolore nella parte superiore dell’addome, Ittero (decolorazione della pelle che assume un tono giallognolo), fatica e debolezza, febbre, alitosi, difficoltà a digerire, feci chiare, prurito sul corpo, sanguinamenti e lividi (sanguinare dal naso, comparsa di lividi senza apparenti cause) gonfiore addominale, lingua arrossata al risveglio. Sarà in questo caso uno specialista a diagnosticare la tipologia di problema, prescrivendo il trattamento medico maggiormente indicato.

Alimentazione

Per evitare possibili malattie in relazione alla funzionalità del fegato, è fondamentale seguire uno stile di vita sano. La salute del fegato si riflette addirittura sulla vista, sui capelli, sulla pelle, risentendo in primis di un’alimentazione scorretta. Vanno evitati nel modo più assoluto: alcol, carne rossa, cibi fritti, cereali e derivati raffinati, zucchero bianco, latticini, cibi precotti, dolcificanti artificiali, troppo caffè e junk-food. Si consigliano altresì prodotti biologici, senza additivi, assumendo giornalmente frutta e verdura. In particolare saranno un toccasana per il fegato: pompelmo, ravanello, cicoria, succo si mela e carota, carciofi, uva, broccoli, cavolo, cavoletti di Bruxelles, fragole e germogli di erba medica. Il cibo sano depurerà l’organo. Inoltre si ricorda che rigenerandosi all’alba, è bene non appesantire troppo il fegato durante la notte, per questo bisogna cenare presto e in modo “leggero”.

Medicine ed emozioni nemiche del fegato

Alcuni farmaci possono danneggiare il fegato, per tal motivo vanno sempre letti in modo accurato i bugiardini. Nei fogli illustrativi dei medicinali basta esaminare la sezione “effetti collaterali”. Se alcune medicine possono far male al fegato, l’ “umor nero” non è da meno. Infatti anche accumulare rabbia, stress e tristezza può influire sul corretto funzionamento dell’organo. L’importante è non trattenere le emozioni, sfogandosi praticando attività in grado di adempiere questo compito. Fare sport, o dare sfogo alle proprie abilità artistiche, è un ottimo rimedio.

Rimedi semplici e naturali contro il dolore

Purificare e tonificare il fegato si può fare, e molto facilmente, ogni mattina. Basta bere a digiuno e appena svegli un cucchiaio di limone fresco, e un cucchiaio di olio d’oliva extra vergine. Dopo mezzora, bisognerà bere un bicchiere di acqua tiepida, poi sarà possibile mettersi a tavola per la colazione. Il suddetto metodo è consigliato anche a chi soffre di costipazione. Quando il sangue non irrora al meglio il fegato, l’organo si raffredda, così da smettere di funzionare al meglio. Questo può accadere anche in seguito ad un’intensa attività fisica. Si consiglia quindi di andare a letto con una borsa dell’acqua calda, tenendola sulla parte interessata, e convoglierà anche il sonno.Per "pulire" il fegato sono anche ottimi i seguenti prodotti: fiori di Bach, erba d'orzo, tarassaco, succo di aloe vera e linfa di betulla

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso