12 Giugno Giu 2017 0832 12 giugno 2017

Come stappare le orecchie

  • ...

A chi non è mai capitato, improvvisamente, di perdere l’udito, anche per pochi secondi, o sentire le voci, o i rumori, in lontananza?

Quando ciò accade, significa che le trombe di Eustachio si sono ostruite, dando la sensazione di avere le orecchie tappate. Si tratta di una sensazione molto fastidiosa e si verifica, soprattutto, quando c’è un improvviso cambio di pressione (come in aereo), oppure quando entra un po’ d’acqua nel canale uditivo. Ma non solo. Tra i fattori più comuni che possono tappare le orecchie ci sono l’accumulo di cerume o anche problemi di natura respiratoria, come la sinusite o il raffreddore. In questo caso, il condotto che va dalla cavità nasale all’orecchio interno si riempie di muco e questo può provocare una congestione delle orecchie. Niente di cui preoccuparsi comunque!

Accorgimenti da mettere in pratica per stappare le orecchie

Per stappare le orecchie esistono diverse soluzioni.

Infatti, se la causa del problema è l’accumulo di cerume, utile è preparare una miscela di alcool e aceto; Inclinare delicatamente la testa su un lato e inserire un paio di gocce di soluzione con un contagocce.

Se la causa è il cambio di pressione, masticare una chewing-gum, o succhiare una caramella, ingerendo dunque una buona quantità di saliva, è un buon modo per equilibrare la pressione. Un’altra opzione consiste nell’aprire la bocca il più possibile come per sbadigliare. L’aria che entra aiuta a ristabilire la pressione.

Se si soffre di raffreddore o sinusite, preparare dei suffumigi, preparati con acqua calda; l’inalazione del vapore, infatti, decongestiona le orecchie e il naso.

Infine, se il problema è l’acqua nelle orecchie, basta usare le dita, quindi nessun accorgimento particolare, per creare un po’ di pressione al loro interno, muovendole avanti e indietro. In tal modo, l’orecchio si sblocca e l’acqua può uscire.

Tuttavia, se il problema persiste rivolgersi ad un medico, perché la causa potrebbe essere una grave sinusite e un’infiammazione cronica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati