27 Giugno Giu 2017 2044 27 giugno 2017

Come dormire con la cervicale infiammata

  • ...

L'infiammazione alla zona cervicale è una delle patolagie più comuni di cui si sente parlare, nonchè una di quelle più difficili da curare e con la quale convivere, sia nelle attività quotidiane, sia nelle ore dedicate al riposo (o che dovrebbero essere tali...).

Nello specifico, è possibile valutare i sintomi dell'infiammazione della zona cervicale e, quindi, tentare di porvi rimedio.

I sintomi dell'infiammazione della rachide cervicale

Chi soffre di infiammazione alla rachide cervicale si sveglia spesso dolorante o intorpidito, non solo nella zonza strettamente collegata al collo, ma anche alla schiena e alla testa. E la testa, appunto, è proprio una delle zone che, maggiormente, viene colpita dai dolori conseguenti all'infiammazione della cervicale.

Un sonno disturbato, irrequieto e con continui risvegli è sia sintomo che conseguenza di un'infiammazione della rachide cervicale. Esistono, però, degli accorgimenti e dei rimedi che possono permettere al soggetto affetto da dolore, di riposare in tranquillità.

Come dormire bene con una infiammazione da cervicale

Nonostante in commercio esistano dei cuscini appositi per aiutare a mantenere una posizione corretta del collo e della schiena durante il sonno, sarebbe sufficiente utilizzarne uno di dimensioni "medie", nè troppo alto, nè troppo basso. Inoltre, fondamentale è il mantenimento di una postura corretta nelle ore diurne che non affatichino troppo il fisico.

Anche il materasso influenza la qualità del sonno quando la rachide cervicale è infiammata: sarebbe opportuno orientarlo diversamente ogni tot di giorni e cambiarlo quando il dolore alla schiena diventa insopportabile.

A livello di quotidianità, massaggi, fisioterapia e ginnastica posturale possono aiutare notevolmente sia nella prevenzione che nella cura di una patologia che potrebbe diventare, sul lungo periodo, debilitante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati