29 Ottobre Ott 2017 1110 29 ottobre 2017

Che differenza c'è tra artrite e artrosi

  • ...

I termini "artrite" e artrosi" vengono spesso, ma erroneamente confusi a causa della somiglianza etimologica e del fatto che entrambe riguardano patologie che colpiscono le articolazioni; inoltre, i sintomi possono essere molto simili e anche le consueguenze.

Ma artrite e artrosi sono due patologie molto diverse sia per origine sia per trattamento: una è una malattia infiammatoria, l'altra è una patologia degenerativa cronica.

Artrite e artrosi

L'artrite è una malattia che si manifesta come un'infiammazione articolare che causa gonfiore, arrossamento, rigidità e dolore che possono portare anche alla perdita delle capacità motorie delle articolazioni; nelle forme più acute le articolazioni si deformano e possono essere compromesse le capacità di svolgere attività quotidiane ritenute banali.

L'artrosi è una patologia cronica strettamente legata all'usura delle articolazioni: le strutture articolari più colpite sono le ginocchia, le spalle, le mani, i piedi e la colonna vertebrale (quelle che nel tempo sono state più sollecitate da attività e peso). Non esiste una causa specifica per tutti, ma, solitamente, l'artrosi si manifesta dopo i 50 anni e, se non curata, può peggiorare nel corso degli anni.

Differenza tra artrite e artrosi

La differenza più evidente tra artrite e artrosi è alla base delle malattie stesse: una è di natura infiammatoria, l'altra è degenerativa e cronica. Nell'artrite il dolore non è connesso all'uso dell'articolazione e può colpire anche quando si è a riposo, mentre l'artrosi è collegata all'attività fisica e all'usura delle cartilagini.

Le differenze riguardano anche la cura delle due malattie: nell'artrosi si usano soprattutto farmaci analgesici per tenere sotto controllo il dolore e si deve modificare lo stile di vita per non affaticare ulteriormente le articolazioni divenute fragili; per l'artrite, invece, vengono utilizzati soprattutto farmaci antinfiammatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso