14 Novembre Nov 2017 1059 14 novembre 2017

Proprietà bacche inca

  • ...

Le bacche Inca (o bacche d'oro o alchechengi) sono il nome comune che diamo ai frutti della pianta Physalis Peruviana: la bacca è contenuta all'interno del fiore; la pianta cresce ad una certa altitudine in aree incontaminate e piovose di Perù, Colombia ed Ecuador. L'arbusto appartiene alla famiglia delle Solanacee, la stessa del pomodoro, della patata, della melanzana e del peperone.

Fin dai tempi antichi le bacche Inca vengono utilizzate per gli effetti stimolanti e rigeneranti su tutto l'organismo.

Le proprietà delle bacche Inca

Le bacche Inca sono ricche di antiossidanti, ma sono anche ricche di fibre, cosa che aiuta a mantenere intatto l'equilibrio intestinale: la pectina, ad esempio, interferisce nell'assunzione di lipidi e zuccheri da parte dell'organismo. L'alchechengi è anche ricco di betacarotene che ha un'azione protettiva e antiossidante su tutto l'organismo, oltre ad avere effetti antinfiammatori; è stata rilevata anche la presenza di melatonina cha iuta a prevenire le malattie neurodegenerative.

Anche a livello di minerali e vitamine le bacche Inca sono di grande ausilio per la salute de corpo umano: il ferro apporta ossigeno ai tessuti, e il potassio aiuta nella reidratazione; tra le altre, nell'alchechengi è presente una buona dose di vitamina C.

Come utilizzare le bacche Inca

La bacca Inca è contenuta all'interno del fiore: raccolte in grande quantità, le bacche vengono fatte seccare al sole in modo da conservare intatte le loro proprietà nutrizionali mantenendo intatto il loro gusto; una volta essiccate le bacche possono essere consumate insieme a yogurt, nella preparazione di dolci, in insalate e macedonie. Un modo sfizioso di consumare le bacche d'oro è accompagnandole a cioccolato e vino.

La dose quotidiana consigliata di bacche Inca è di uno o due cucchiai al giorno per gli adulti e un paio di cucchiaini per i bambini, possibilmente al naturale (senza aggiunta di zuccheri). In commercio sui trovano alcuni snck già pronti che contengono anche bacche Inca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso