11 Settembre Set 2017 0956 11 settembre 2017

Contratto di noleggio stampanti

  • ...

Le stampanti sono prodotti hardware dell'information technology e, meglio ancora, dell'office automation. Sono indispensabili per effettuare le stampe degli elaborati elettronici, più o meno sofisticati. Sono in grado di gestire documenti di stampa di diversi formati, in bianco e nero o a colori, con inchiostro toner e inkjet.

Negli uffici le stampanti sono utilizzate, sui singoli posti di lavoro, in rete locale, in grado di servire più utenti contemporaneamente in tempo reale, essendo ormai dei veri e propri computer.

Il costo delle stampanti può variare sensibilmente. Ecco, pertanto che, da molto tempo, è in uso, negli uffici, il contratto di noleggio, relativo al parco stampanti che l'utente possiede.

Di norma, viene proposto, dal fornitore, il contratto cosiddetto "chiavi in mano", che viene redatto e proposto per un periodo di noleggio più o meno lungo (dai due ai tre anni).

Prima della sua sottoscrizione, viene effettuato, da parte del fornitore, uno studio di fattibilità, con verifiche delle varie postazioni, per determinare l'uso e il consumo quotidiano di stampe. Inoltre, determina, il fornitore stesso, la necessità di stampanti multifunzioni, da asservire, a più utenti, contemporaneamente, per alti volumi di stampa e la necessità, o meno, di stampe a colori.

Va effettuato lo studio della rete locale, da estendere e le previsioni di stampa totali giornaliere.

Viene garantita, da parte del fornitore, l'installazione e, ove necessaria, la formazione. Il contratto prevede la manutenzione sulle stampanti, che comprende la riparazione, che dovrà essere coperta nel normale orario di lavoro (entro 24 ore dalla richiesta). Sarà a carico del fornitore l'eventuale sostituzione della stampante se risulterà non riparabile. Verrà effettuata la fornitura di toner pattuita dal contratto che sarà compresa nel costo mensile di noleggio stabilito, per il numero totale di pagine rilevate. A tale proposito, di norma, si verifica, annualmente, il numero di copie realmente consumate e le eventuali eccedenze saranno fatturate per il costo copia stabilito.

Se indicato, potrà essere inserita la clausola di richiesta di revisione del contratto da parte del fornitore, dopo il primo anno o altro periodo concordato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso